Dopo 34 anni di carriera, Hayao Miyazaki, il regista di “La principessa Mononoke” e “La città incantata”, ha deciso di andare in pensione all’età di 72 anni.

Hayao-miyazaki
Annuncio shock al 70° Festival di Venezia: il Presidente dello Studio Ghibli, Koji Hoshino, durante la presentazione del nuovo lungometraggio animato, “The Wind Rises”, ha annunciato che il grande Maestro Hayao Miyazaki non dirigerà altri film dopo questo.Il regista giapponese che non ha potuto partecipare al festival, terrà una conferenza stampa a Tokyo nelle prossime settimane per spiegare perché ha deciso di abbandonare il cinema.

Il grande regista, autore di capolavori del calibro di “Nausicaa della Valle del Vento”, “La Città Incantata”, “Il Castello Errante di Howl”, “Porco Rosso” e moltissimi altri decide quindi di ritirarsi dal cinema dopo una carriera ricca di successi e soddisfazioni, tra cui un Orso d’Oro, un Leone alla carriera e non ultimo un premio Oscar per “La città incantata” come miglior film d’animazione nel 2003.
Più di 40 anni di lavori straordinari, di film, di manga, di anime che hanno segnato la storia di un genere e di tantissime generazioni.

Il suo film “Si alza il vento”, applauditissimo a Venezia, è già un enorme successo in Giappone. Uscirà in Italia distribuito da Lucky Red per l’inizio di febbraio 2014. Ispirato dal libro dello scrittore Tatsuo Hori, il film di Miyazaki racconta la grande depressione economica nel 1929, l’epidemia di tubercolosi di quegli anni e la partecipazione del Giappone alla seconda guerra mondiale e “si rivolge – spiega il regista – ad un pubblico molto vasto, che non è solo quello che ama le favole, ma tocca tutte le persone che guardano al passato per affrontare il presente e il futuro”.

© Riproduzione Riservata

Commenti