antonello-vendittiE’ proprio vero: certi artisti non finiscono mai di sorprenderti. E uno di questi è Antonello Venditti. Ancora una volta ne ho avuto la conferma durante il suo concerto di ieri 27 agosto 2013, al Teatro antico di Taormina. Dopo aver preso il biglietto sono entrata. Il palco è già montato e con lo sfondo del Teatro alle spalle, appare subito molto suggestivo. Osservo quello spettacolo mentre una fiumana di persone invade ogni angolo. E’ sold-out. La gente è accorsa da tutte le parti. C’è chi si siede sugli scalini, chi prova sul muretto. Gli ausiliari dei Carabinieri, con molta pazienza, cercano di indirizzare il pubblico nei posti a sedere. Sul palco sono già sistemati gli strumenti. Tre batterie in alto e chitarre e sax sotto. L’attesa è lunga, ma so già che ne varrà la pena.

Alle 21.30 sale sul palco. Camicia nera e jeans, l’inconfondibile stile di Antonello. Microfono in mano, cuore e voce, i suoi strumenti. Sulle note di “Unica” la canzone che dà il titolo al tour, Venditti infiamma da subito il teatro antico di Taormina. Sono più di 6000 le persone accorse a vederlo. E’ uno spettacolo. Guardo la scaletta: canterà tutti i suoi maggiori successi. La canzone “Unica” mostra sin da subito il leone ruggire. Seguono: “Il compleanno di Cristina”, “Giulio Cesare”, “Piero e Cinzia”, “Non ci sono anime”, “Nata sotto il segno dei pesci”, e poi un’inedita versione, bellissima, di “Roma capoccia”, una delle canzoni più care e amate dal cantautore romano. Parlando dell’amore e di come esistano donne che fanno figli malgrado tutte le difficoltà, Venditti canta un suo successo del 1986 “Sara” e il pubblico canta assieme a lui. Bellissimo è sentire dal vivo “Ci vorrebbe un amico”, passando per “Le cose della vita”.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=29CUBklJ9C0[/youtube]

Un attimo di silenzio ed ecco spuntare dall’alto un pianoforte a coda. E con esso Antonello Venditti con la bandiera del No MUOS in mano. “Non è per la politica. E’ perché penso che faccia male” dice mentre il pubblico invoca a gran voce il suo nome. A quel punto l’atmosfera è troppo magica per non cantare “Notte prima degli esami”. E vedere su quel palco il pianoforte illuminato e sentire solo la voce di Venditti e il suono di quei magici tasti è qualcosa di indescrivibile. Devi esserci per capirlo. Emozioni. Ecco cosa. Emozioni. La scenografia è bellissima. In alto si vede l’ologramma del classico cappello che l’Antonello nazionale indossa. Poi il pianoforte così come è entrato sparisce per lasciare spazio alle chitarre e all’amore. Segue “Dalla pelle al cuore”, “Indimenticabile”, “Amici mai”, “Ogni volta” e la meravigliosa “Alta marea”. Ed ecco che tutto il pubblico si alza in piedi, dalla platea alle gradinate, e muove le mani cantando. Dappertutto si vedono le luci dei telefonini accesi quasi fossero lucciole a rendere magica quella canzone. E Venditti si scatena e a gran voce canta “Che fantastica storia è la vita”. Poi il cantautore romano, con la frase, “Questi sono il mio passato, il mio presente e il mio futuro”, presenta singolarmente la band che lo accompagna da sempre: sono circa dieci musicisti, tra batteristi, chitarristi e vocalist. E continua con “In Italia non cambia mai niente. Forse è per questo che le mie canzoni sono sempre attuali” dice il cantautore scatenando l’applauso del pubblico e dando vita ad una strepitosa performance di “In questo mondo di ladri”, seguita da “Benvenuti in paradiso”. Poi i musicisti escono. Un attimo dopo rientrano per cantare l’ultimo pezzo “Ricordati di me” quasi come sigillo di un mito che ormai è più che mai consolidato. E Venditti annuncia anche il suo nuovo tour, l’anno prossimo. Sarà un concerto dei suoi successi anni ’70 e ’80 che poi culminerà come gran finale a Roma.

E’ stata una serata bellissima, resa indimenticabile dalla musica e dalla splendida voce di Venditti, un artista che è soprattutto un uomo, capace di raccontare della gente e di quelle piccole cose che rendono grandi i suoi testi. C’è musica, c’è poesia, c’è cuore. Se potessi gli chiederei… chi è che ti dà quell’ispirazione capace di farti creare sempre meravigliosi capolavori?

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=yQZ-osi0NUk[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti