Proteste contro il governatore siciliano che ha fatto marcia indietro sul sistema satellitare Americano revocando la sua stessa revoca alle autorizzazioni rilasciate per i lavori

Dopo il passo indietro della Regione Sicilia, che ha annullato la revoca delle autorizzazioni alla realizzazione del Muos, il sistema di comunicazione satellitare della marina americana, tutti i contrari hanno fatto sentire la loro voce. Gli attivisti No Muos si sono introdotti nella serata di ieri nel palazzo del Comune di Niscemi e hanno interrotto la seduta occupando l’aula. Si tratta di un gesto di protesta che rappresenta il malcontento della popolazione contraria alla scelta del governatore Rosario Crocetta. La Regione Sicilia ha deciso di annullare la revoca delle autorizzazioni in seguito alla relazione dell’Istituto superiore di Sanità che ha attestato l’assenza di pericoli per la salute pubblica.

La protesta delle mamme No Muos a Palermo – In tanti ritengono però assurda la decisione di Crocetta e alcuni consiglieri comunali di Niscemi, esponenti del movimento del governatore, si sono opposti e hanno minacciato di abbandonare per protesta il partito. A Niscemi non vengono condivise le decisioni della Regione. Partecipano alla rivolta contro Crocetta anche le mamme No Muos che tra l’altro non credono alla relazione dell’Istituto superiore di Sanità e che, insieme al sindaco Francesco La Rosa, hanno portato la loro protesta a Palermo.

Anche Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil Sicilia è convinto che la Regione stia sbagliando a dare via libera: “Per quanto ci riguarda la battaglia contro il Muos continua. Il via libera della Regione prima del pronunciamento del Cga, che ha fatto decadere il contenzioso, è stato un errore. Ammesso che davvero non ci siano danni per la salute, non si tiene conto di elementi importanti come lo scempio ambientale in una riserva naturale e il sacrosanto principio di autodeterminazione dei popoli”.
“Alle popolazioni locali – ha sottolineato il segretario della Cgil – vogliamo dire che siamo con loro contro il Muos. Ci immaginiamo una Sicilia piattaforma di pace e di cooperazione tra i popoli; siamo una terra che ha già combattuto, a Comiso contro i missili, per evitare istallazioni militari che contraddicono questa aspirazione e continueremo a farlo”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Z03aH_1a5v4[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti