Si è conclusa ieri 6 luglio la 68ma edizione dei Nastri d’Argento, l’evento organizzato dalla SNGCI – Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, in collaborazione con Taormina Arte. Ma vediamo subito nel dettaglio la giornata

Sabrina Ferilli (Nastri d’Argento 2013/Massimiliano Botta)

Dopo la conferenza stampa tenutasi al Grand Hotel Atlantis city, dove protagonisti sono stati i premiati con un Cesare Cremonini mattatore, Carlo Verdone divertente come sempre, Alessandro Gassman in chiave ironica, la splendida Maria Sole Tognazzi con la battuta pronta, Tornatore sempre disponibilissimo, Gianni Morandi che ha stregato la platea ed Ennio Morricone che ha avuto l’applauso più lungo, è stata la volta dell’aperitivo, organizzato dallo sponsor Bulgari al Grand hotel Timeo. Presenti Tea Falco, Alessandro Gassman, Gianni Morandi e Carlo Verdone. Subito dopo è iniziata la serata presso la suggestiva location del Teatro Greco. A condurre la manifestazione la giornalista Laura Delli Colli. Ad aprire le danze, è proprio il caso di dirlo, è stata una coreografia ispirata al Gattopardo e realizzata dai ragazzi della scuola cinematografica che, sulla musica dell’omonimo film, hanno ballato il walzer. E’ poi salita sul palco Valeria Golino che ha ricevuto il premio come miglior regista esordiente per “Miele”. Ed è poi stata la stessa Golino a premiare Jasmine Trinca come migliore attrice protagonista.

Invece il premio come migliore attrice non protagonista è andato ad una bellissima Sabrina Ferilli, meravigliosa nell’abito Versace che ha ricevuto il premio da Carlo Verdone. “Sono felicissima di ricevere questo premio perché il riconoscimento viene dai giornalisti e sono contenta che apprezzino il mio lavoro” ha detto. “E’ il terzo nastro che ricevo e tutti e tre i nastri sono per tre film che ho realizzato con registi che si chiamano Paolo. Devo cercare altri registi con questo nome per vincerne un altro l’anno prossimo” ha detto ridendo. Successivamente è stata la volta dei Verdoni, si proprio due: Carlo e Lino, premiati per il documentario su Alberto Sordi, ad un decennio dalla sua scomparsa. Premiato poi Aniello Arena come migliore attore protagonista; Ennio Morricone per la migliore colonna sonora mentre Jacopo Olmo Antinori e Giulia Valentini hanno ritirato il Premio Biraghi giovanissimi. Un’emozionata Tea Falco ha ricevuto il nastro d’argento Bulgari.

Cesare Cremonini e Gianni Morandi hanno dato spettacolo sul palco durante la premiazione di “Amor mio”, scritta da Cremonini e interpretata da Morandi nel film di Edoardo Gabbriellini “I padroni di casa”. I due sono sembrati perfettamente a loro agio esibendosi in una gag dopo l’altra. Successivamente Morandi è rimasto sul palco per ricevere un altro premio: il nastro d’argento che lo scorso anno sarebbe andato al grande Lucio Dalla. E Morandi, stupito di ricevere questo premio, ha ringraziato intonando il ritornello di “Caruso”. Alessandro Gassmann ha ricevuto il premio Hamilton Behind the Camera Opera Prima con “Razzabastarda”.
Bellissima la doppia premiazione di Maria Sole Tognazzi, che ha ricevuto il nastro per la migliore commedia con il film “Io viaggio sola” e il riconoscimento come personaggio dell’anno. La regista ha alzato in alto il premio dedicandolo a due persone. “Dedico questo premio a due persone: una donna che è a casa con il compagno ed è mia madre, e un uomo che è lassù in cielo e che è Ugo Tognazzi, mio padre”. Una dedica commovente a cui è seguito un lungo applauso. Francesca Neri ha ricevuto invece il nastro d’argento per la commedia “Una famiglia perfetta Ottimo risultato per “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, che ha portato a casa quattro Nastri: per la fotografia (Luca Bigazzi), il sonoro (Emanuele Cecere, che ha vinto anche per Miele, il debutto alla regia di Valeria Golino) e per la coppia di attori non protagonisti, Carlo Verdone e Sabrina Ferilli. Film dell’anno è stato “Io e te” di Bernardo Bertolucci. Ma il più premiato è stato Tornatore con La migliore offerta che si è aggiudicato ben sei riconoscimenti. Il Nastro come “regista del miglior film”, per la produzione, la scenografia, i costumi, il montaggio e la colonna sonora di Ennio Morricone che ha portato a dieci il numero di nastri vinti dal maestro. La serata si è conclusa con un ricco Buffet presso il suggestivo Atlantis bay.

© Riproduzione Riservata

Commenti