Boeing 777 della Asiana Airlines, con 307 persone a bordo, ha perso la coda nell’impatto con il suolo durante l’atterraggio. Due morti e 182 feriti

SAN FRANCISCO – Un Boeing 777 della compagnia sudcoreana Asiana in arrivo da Seul si è schiantato al suolo sabato sera all’aeroporto di San Francisco mentre era in fase di atterraggio e poi ha preso fuoco. Il bilancio – reso noto dai vigili del fuoco – è di almeno 2 morti di nazionalità cinese – e 182 feriti, di cui 49 in condizioni critiche.

Un esito quasi miracoloso per un disastro del genere, ma che nella notte sembrava destinato ad aggravarsi drammaticamente perché, secondo quanto dichiarato dal capo dei pompieri, mancavano all’appello una sessantina delle persone che erano a bordo, ovvero 291 passeggeri (tra cui 141 cittadini cinesi, 77 sud coreani, 61 statunitensi) e 16 membri dell’equipaggio. Ma le persone «unaccounted for» sono poi risultate tra quelle – 182 in totale – trasportate in ospedale. Sono invece 123 i passeggeri illesi.

La dinamica dell’incidente è ancora tutt’altro che chiara. Alcune fonti di stampa hanno affermato che il comandante dell’aereo aveva chiesto di poter fare un’atterraggio di emergenza, ma la notizia non ha avuto conferma ufficiale, mentre alcune fonti in forma anonima l’hanno smentita. La Cnn ha anche diffuso la registrazione di alcuni secondi di dialogo tra il pilota e la torre di controllo subito dopo l’incidente, in cui si può udire l’operatore a terra dire che «i mezzi d’emergenza si stanno muovendo, stanno arrivando sul posto». Apparentemente, secondo alcuni esperti, l’aereo ha iniziato l’approccio alla pista di atterraggio troppo presto e ha colpito probabilmente con la coda il frangiflutti che la delinea. Alcuni testimoni hanno inoltre raccontato che nel corso della manovra qualcosa è andata visibilmente storto. L’aereo «è sceso con un brutto angolo, si è girato ed è esploso», ha raccontato su Twitter Stefanie Lamie, che era nei pressi dell’aeroporto. «La coda dell’aereo dell’Asiana ha toccato il suolo ed il velivolo è uscito dalla pista», ha confermato il ministero in un comunicato, precisando di aver inviato una squadra per ispezionare la carcassa.

L’aereo «non aveva problemi meccanici»: lo ha dichiarato la compagnia aerea sudcoreana Asiana Airlines, citata da vari media fra cui la Bbc. Tutte le 307 persone a bordo risultano all’appello, compresi due passeggeri morti nell’incidente. Lo ha reso noto il sindaco della città Ed Lee.

Il Boeing «volava troppo basso», con il muso in aria in fase di atterraggio: è quanto ha raccontato un passeggero sopravissuto. «Ho notato – è la testimonianza di Xu Da, cittadino cinese, all’emittente del suo Paese Cctv – che l’aereo volava troppo basso al momento di atterrare. Si stava preparando a toccare il suolo quando il velivolo ha accelerato e il muso si è sollevato». L’impatto si sarebbe quindi verificato perchè l’assetto dell’aereo non era parallelo alla pista ma fortemente angolato, con la coda troppo bassa rispetto al muso. «Volavamo già troppo bassi prima che ciò avvenisse», ha aggiunto Xu. «Le maschere d’ossigeno sono subito fuoriuscite e si è diffuso un odore nauseabondo per tutta la cabina. Vedevo anche scintille provenire dalla parte anteriore dell’aereo», ha aggiunto il passeggero, che ha detto che dopo l’impatto la parte posteriore del Boeing 777 presentava un «enorme buco» e che nella cabina passeggeri regnava il caos.

© Riproduzione Riservata

Commenti