Circa 60 vetture scomparse nel nulla: alcuni dipendenti del deposito le avrebbero vendute, naturalmente all’insaputa dei legittimi proprietari


Il deposito di auto Farnesina, il più importante al quale si affida il comune di Roma per custodire le auto rimosse dai vigili urbani, è al centro di uno scandalo. Molte vetture, infatti, scomparivano nel nulla e ora, dopo attente indagini, si è scoperto il motivo: alcuni dipendenti del deposito le avrebbero vendute, naturalmente all’insaputa dei legittimi proprietari i quali, magari, avevano solo subito una rimozione forzata o un sequestro. La scoperta della compravendita dei veicoli è avvenuta per caso, con il ritrovamento da parte di una pattuglia dei carabinieri di una busta contenente targhe di automobile, appoggiata a terra a fianco al deposito: i militari sono entrati ed hanno chiesto se fossero targhe di auto rimosse. Nessuno sapeva dare spiegazioni.
Così i carabinieri del Nucleo radiomobile hanno voluto vederci chiaro: hanno consultato il computer del deposito e scoperto che le targhe erano associate a vetture, molte intestate a stranieri, rimosse da diversi mesi e sparite.

A quel punto è scattata la perquisizione del deposito, con la scoperta di decine di altre targhe. le vetture mancanti all’appello, in totale, sarebbero ben 60: tutte appartenenti a cittadini che non le avevano ritirate, quindi diventate proprietà del demanio, che poteva scegliere se venderle all’asta o rottamarle. Di questi veicoli tuttavia non c’è più traccia.
Scrive Il Messaggero: “Nei giorni scorsi il rappresentate legale del deposito, F.T., ha portato ai carabinieri la documentazione delle rottamazione dei veicoli mancanti. Ma da un accurato riscontro degli investigatori dell’Arma, Nucleo radiomobile, è emerso che si trattava di false certificazioni, per di più rilasciate da un demolitore non autorizzato dal demanio. Così il responsabile del deposito è stato denunciato per ricettazione e falso”. Le indagini continuano e potrebbero svelare affari d’oro all’ombra del Campidoglio.

[Fonte: fanpage]

© Riproduzione Riservata

Commenti