Paola Jacobbi è una delle firme di punta di Vanity Fair e da anni racconta, attraverso le sue interviste, i personaggi del mondo dello spettacolo italiano e non. Dopo anni di interviste ai protagonisti del jet-set, ha scritto il suo primo romanzo. «Una storia da condividere con i lettori che nasce dal mio lavoro»

TU SAI CHI SONO IO – Milano, 2003. Arianna è una trentenne disoccupata: l’azienda alimentare per cui lavorava è andata a gambe all’aria dopo uno scandalo. Annamaria è la bella moglie del miliardario Triplo Cognome. Gabriele è un consulente specializzato nell’incitare le aziende a investire in attività di beneficienza per scaricare le tasse e rifarsi l’immagine. Tommaso è un regista cinematografico che, dopo un primo film di discreto successo, non ha più battuto un chiodo. Jenny è l’unica star italiana d’esportazione. Mariolina è una fashion designer che il mondo ci invidia. Per motivi diversi, si ritrovano tutti in Tanaquil, Paese immaginario dell’America Centrale. E, dopo quel viaggio, nessuno e niente, nemmeno il Tanaquil, saranno più gli stessi.

Nell’arco narrativo di un anno, Arianna ci porta al centro del circo folle e contradditorio del glamour in nome della beneficenza: uno dei fenomeni che più hanno influenzato lo star system internazionale nell’ultimo decennio. Tra divi del cinema capricciosi, stiliste eccentriche, giornaliste ambiziose, uomini d’affari senza scrupoli, sempre in viaggio tra party, aste “charity” e festival del cinema, Tu sai chi sono io gratta con ironia sotto le paillettes e trova la cattiveria.

Paola Jacobbi è giornalista, inviato speciale di “Vanity Fair. Ha pubblicato per Sperling Sotto i tre carati non è vero amore, Pazze per le borse, Voglio quelle scarpe. Questo è il suo primo romanzo.

Libreventi e Libreria Mondadori hanno il piacere di invitarla alla presentazione del libro di Paola Jacobbi “Tu sai chi sono io ” (Bompiani). Venerdì 5 luglio 2013, ore 17.00 – GRAND HOTEL TIMEO (Via Teatro Greco 59 ) – TAORMINA

Introduce Laura Delli Colli
Interviene Claudio Masenza
Modera Antonella Ferrara

© Riproduzione Riservata

Commenti