Apple si è posta da qualche tempo l’obiettivo di alimentare interamente ogni struttura con energia proveniente da fonti rinnovabili, utilizzando energia solare, eolica, idroelettrica e geotermica

Apple negli USA costruirà una nuova “solar farm“, per alimentare un suo data center. L’impianto fotovoltaico, il terzo dopo i due in North Carolina, sorgerà a Reno, nel Nevada, e produrrà tra 18 e 20 MW di potenza, occupando circa 55 ettari di terreno.

”Tutti i centri dati e le strutture di Austin, Elk Grove, Cork e Monaco, nonché il campus di Infinite Loop a Cupertino, sono già alimentati al 100% con energie rinnovabili – sottolinea in una nota Apple -. In tutte le altre strutture Apple nel resto del mondo siamo al 75%, ma questa percentuale è destinata a salire”.

L’impianto di Reno, la cui costruzione è stata approvata il 12 giugno scorso dalla Commissione energia del Nevada, verrà realizzato in partnership con NV Energy e offrirà circa 43,5 milioni di kw/h di energia pulita, ”pari a togliere dalla strada 6.400 autovetture l’anno”. Per costruire l’impianto verrà inoltre utilizzata una nuova tecnologia che accoppia pannelli solari a specchi, amplificando la potenza dei raggi sui panelli fino a sette volte di più rispetto agli impianti normali. Durante la costruzione della “solar farm”, che darà lavoro ad almeno 100 persone, verrà infine utilizzata l’energia geotermica locale, proveniente dall’impianto Galena 3, situato nei dintorni di Reno. La scelta di costruire il parco fotovoltaico a Reno, spiega Apple, è stata infatti determinata dall’abbondanza di energia pulita presente nella zona.

© Riproduzione Riservata

Commenti