E’ morta l’astrofisica Margherita Hack, la scienziata innamorata delle stelle


Margherita Hack è morta la notte scorsa a Trieste, all’età di 91 anni. Da una settimana era ricoverata nell’ospedale Cattinara di Trieste per problemi cardiaci di cui soffriva da tempo.
Accanto a lei il marito Aldo 93 anni, che aveva conosciuto a Firenze, dove erano nati entrambi e dove si erano incontrati ai giardini quando Margherita aveva 11 anni e lui 13, erano sposati da 70 anni.

La giornalista e amica personale Marinella Quirico, ricorda così gli ultimi giorni: “Sono stati sereni, i problemi cardiaci dei quali soffriva erano molto pesanti ma li viveva con leggerezza assoluta”.
La prossima settimana, informano persone vicine alla famiglia, e’ prevista una semplice sepoltura in forma strettamente privata.

Convintamente atea, l’unica volta che entrò in chiesa fu per sposare il marito Aldo, Margherita Hack era vegetariana, grande amante degli animali. Viveva, infatti, con otto gatti e un cane. E’ stata una delle astrofisiche italiane più importanti del ventesimo secolo. La Hack non è famosa solo nel mondo scientifico, ma anche per il suo impegno nel campo sociale e politico. Ha ricevuto riconoscimenti importanti sia nel mondo della scienza che in quello dei diritti civili.

Numerosi gli attestati di stima e cordoglio, tra questi quello del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano: “Apprendo con commozione la triste notizia della scomparsa di Margherita Hack, personalità di grande rilievo del mondo della cultura scientifica, che con i suoi studi e il suo impegno di docente ha costantemente servito e onorato l’Italia anche in campo internazionale”. “Ella, prosegue il messaggio del capo dello Stato, ha rappresentato nello stesso tempo un forte esempio di passione civile, lasciando una nobile impronta nel dibattito pubblico e nel dialogo con i cittadini. Partecipo con sinceri sentimenti di vicinanza al cordoglio di tutte le persone che l’hanno avuta cara”.

 

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Ma3CMulrdVQ[/youtube]

 

 

© Riproduzione Riservata

Commenti