Presentato il nuovo rapporto “Italiani nel Mondo 2013”. L’emigrazione italiana aumenta, preferendo la Cina


Secondo un’anticipazione del Rapporto “Italiani nel Mondo 2013” della Fondazione Migrantes, che sarà presentato il prossimo autunno, a gennaio di quest’anno i cittadini italiani residenti fuori dei confini nazionali sono 4.341.156, il 7,3% dei circa 60 milioni di italiani residenti in Italia. L’aumento, in valore assoluto, rispetto al 2012 è di 132.179 iscrizioni, pari a +3,1% e +5,5% rispetto al 2011.
Dall’Italia dunque non solo si emigra ancora, ma si registra un aumento nelle partenze che impone nuovi interrogativi e nuovi impegni.
Ed è questo l’impegno culturale che la Fondazione Migrantes si è imposta soprattutto alla luce degli ultimi sviluppi e dell’incremento numerico degli spostamenti che riguardano oggi migliaia di giovani, mediamente preparati o altamente qualificati, con qualifiche medio alte o privi di un titolo di studio.

Nel 2013, rispetto all’anno precedente, sono stati registrati in Asia più di 3.500 italiani residenti. Il paese maggiormente interessato da questi spostamenti di residenza è stato la Cina la cui comunità italiana è costituita da oltre 6.700 unità (+905 italiani residenti nel 2013). La popolazione italiana residente in Cina nel 2013 è triplicata rispetto al 2006 (+239%), con un picco di trasferimenti nel 2009 (+25%).
Inoltre, tra gli “italiani” che decidono di trasferirsi , si sta facendo strada una categoria partico- lare: quella dei cinesi di “ritorno”, ovvero i cittadini cinesi nati o cresciuti nel Belpaese che, grazie ai titoli di studio acquisiti in Italia e alla padronanza della lingua italiana e cinese, si la- sciano alle spalle la recessione in Europa per cavalcare l’ondata di crescita del Dragone.

I cambiamenti politici ed economici in corso a livello globale e in Cina stanno determinando lo sviluppo di nuovi settori in cui la domanda da parte cinese è in costante aumento, via via che la loro società si articola ed esprime nuovi bisogni sia individuali che collettivi.
Oltre ai classici prodotti di punta del made in Italy, nella percezione dei cinesi l’unicità del know-how italiano comprende, in misura sempre maggiore, altri ambiti quali l’architettura, l’urbanistica, la con- servazione del patrimonio artistico, la sanità, ecc. Su questi ed altri terreni si registra un inte- resse e un flusso crescente di forza-lavoro intellettuale di origine italiana, che esporta “eccel- lenze” sotto forma di servizi e cultura.
Sempre più alta è l’attenzione da parte dei cinesi ad aspetti attinenti, in senso ampio, alla qualità della vita, al mangiare sano e al vivere bene. La promozione di questi fattori culturali non solo apre spazi innovativi nel mercato del lavoro per gli italiani in Cina, ma costituisce la vetrina per aumentare la nostra competitività sul mer- cato cinese.

«I nuovi e numerosi dati, ma soprattutto i lavori di studio e di ricerca che saranno presenti nel Rapporto Italiani nel Mondo 2013 – commenta mons. Giancarlo Perego, Direttore generale della Migrantes – costituiscono un invito a superare le facili letture approssimative, che riducono gli emigrati italiani ai soli “cervelli in fuga” (anche perché ad emigrare sono persone nella loro interezza umana e dignità) e a prendere in considerazione la molteplicità di storie, di vissuti e di condizioni di persone e famiglie italiane in emigrazione, che rappresentano una tra le più significative espressioni della vita del nostro Paese, ma anche della dimensione globale del mondo odierno».

© Riproduzione Riservata

Commenti