Analisi di due grandi romanzi inglesi


Recensire testi critici e/o riletture è sempre complesso poiché , com’è ovvio che sia, presuppone una discreta base di conoscenza circa l’argomento trattato. Non parliamo solo a coloro i quali possiedono tale preparazione, ma anche ai curiosi i quali potrebbero avvicinarsi alla lettura dei romanzi “originali”.

“Espiazione” è un romanzo di Ian McEwan; scritto nel 2001, è ambientato dal 1935 al 1999. Parimenti, “Ritorno a Brideshead” è un romanzo di Evelyn Waugh ed è stato scritto nel 1945. Da qui, si comprende l’analisi parallela che Lorenzo ci propone.
Il secondo è considerato tra i 100 migliori romanzi dal 1923.
Nel 1981, fu adattato all’omonima serie televisiva mentre fu portato su “pellicola” nel 2008 da Jarrold.
Amicizia, amori, sotterfugi, delusioni, tradimenti, rinunce, dolore, guerra, e RITORNI, si avvicendano alla realtà quotidiana di Charles (studente Dihetford e amico di Sebastian studente del Christ Church college) e la famiglia Flyte; proprietaria della residenza di Bridshead.

S’intuisce quanto il tema religioso sia parte più che integrante del romanzo. Si ritiene, inoltre, che nel testo, così come in “Spaada e onore”, l’influenza della conversione dell’autore al cattolicesimo, sia determinante e non solo evidente come, al contrario, affermano altri critici.
Allo stesso modo, “Espiazione” è inserito nella lista dei romanzi più belli degli ultimi 25 anni. Tra i contenuti spiccano la verità contro l’immaginazione, la pace, la morte (riferita alla seconda guerra) e l’amore. L’intera narrazione ruota attorno alla verità di Briony, una ragazzina che riconosce in Robbie il colpevole della violenza subita dalla cugina Lola. Briony lo dice, lo ripete e se ne convince. Ma il tempo passa; si riflette; ci si chiarisce con se stessi e si vedono le cose sotto altra prospettiva. Briony avrà il resto della vita per tentare di espiare le proprie colpe. Solo vicina alla propria morte scriverà la verità circa l’accaduto.

Ora, cosa fa Lorenzo?
Egli applica una sorta di analisi trasversale tra i due testi che, sebbene trattino lo stesso periodo storico, sono stati elaborati da autori vissuti in un tempo diverso. Entrambi i romanzi ruotano attorno al tema della fede mentre, in alcuni passi, si descrivono abitudini e costumi circa le due famiglie.
Charles, ad esempio, ricorda la pratica quotidiana del rosario e la messa decretando; “ la loro è la tipica storia dei signorotti cattolici inglesi” mentre, il tema sostanziale affrontato, è quello della conversione; se pur in estremis come in questo caso.
In espiazione, poi, si pone in essere il duplice significato del termine; il riscatto per quanto concerne la fede e riconciliazione con se stessi per quanto riguarda una visione laica.

E’ da segnalare, per ultimo, quanto entrambi i romanzi vogliano suggerire al lettore le peculiarità della borghesia della prima metà del 900; un microcosmo austero chiuso su se stesso.

© Riproduzione Riservata

Commenti