Previsto un incremento sul mercato videoludico del 30%. Chris Lewis, vice presidente della divisione Interactive Entertainment di Microsoft, ha dichiarato che il bilancio dell’attuale generazione è positivo e Xbox 360 resterà in vita, anche dopo l’esordio dell’attesissimo Xbox One

Microsoft Xbox One

Il bilancio dell’attuale generazione è positivo, ma è giunto il momento di voltare pagina e proporre novità. A dichiararlo è stato Chris Lewis, vice presidente della divisione Interactive Entertainment di Microsoft, secondo il quale la prossima generazione di console contribuirà ad accrescere l’industria del 30%.

“La settima generazione in cui ci troviamo attualmente, è del 50% più grande rispetto alla sesta generazione e credo sia il doppio rispetto alla quinta generazione. Secondo le nostre stime l’ottava generazione sarà almeno del 30% superiore”.

“Credo che la gente abbia apprezzato la durata di questa generazione. I nostri partners l’hanno fatto. Il mercato retail ha approvato questa durata, almeno per quanto concerne i servizi aggiuntivi e i contenuti che hanno potuto impiegare. I nostri sviluppatori apprezzano la longevità della piattaforma perché così facendo hanno migliorato il suo utilizzo e ottimizzano i contenuti”.

Lewis ha poi precisato che ci sarà ancora spazio per Xbox 360, il cui ciclo di vita durerà ancora per qualche anno.

“Xbox 360 proseguirà ancora per qualche anno. Abbiamo già delineato piani di marketing per i prossimi 12 mesi e oltre. Le nostre terze parti continueranno a pubblicare contenuti, dal momento che la base installata è davvero elevata”.

Come è stato confermato durante l’evento di martedì, Xbox One si baserà su un nuovo processore con architettura x64 e 8 core, disporrà di 8 GB di RAM, porte USB 3.0 e di un disco rigido da 500 GB. La console utilizzerà inoltre un lettore ottico Blu-ray e una versione customizzata di Windows 8.

L’azienda stanziata a Redmond ha anche confermato che i titoli Xbox One non richiederanno necessariamente una connessione costante, ma si tratterà al contrario di una scelta che potrà essere presa di volta in volta dagli sviluppatori. Attendiamo l’E3 per conoscere prezzo, data di lancio e il parco esclusive che, stando ai vertici dell’azienda, dovrebbe essere particolarmente nutrito.

© Riproduzione Riservata

Commenti