Le app del mondo mobile che godono di particolare successo attirano l’attenzione dei big, interessati ad integrarle nei propri sistemi. L’ultima in termini di tempo è Waze, che ha catturato l’attenzione di Google

Waze

Il mondo della tecnologia è sempre più mobile, e cresce di conseguenza l’interesse per tutto l’universo che intorno gli gravita. Il mondo social, unito a quello web nel suo genere, viene fruito in gran parte dagli smartphone, erodendo di giorno in giorno la supremazia durata decenni del PC inteso come dasktop o notebook.

Partendo da questa consapevolezza oggettiva, non stupisce che fiocchino proposte miliardarie per alcune app del mondo mobile, specie se di grande successo o con un grande potenziale. L’ultima in termini di tempo è Waze, che in tempi recenti ha fatto parlare di sé per l’offerta di acquisizione giunta da Facebook per un valore prossimo al miliardo di dollari USA.

Waze può essere definito un social network di navigazione nato per evitare il traffico, divenuto poi uno strumento di navigazione vero e proprio con il passare del tempo. I contenuti sono interamente generati dalla segnalazione degli utenti, che sono oltre 40 milioni, ma con grandi margini di crescita anche in zone lontane dai grandi centri cittadini. Waze è prima di tutto un social network, motivo per cui è possibile fare molto di più che schivare ingorghi.

In questi giorni circola la notizia di un’offerta che Google avrebbe fatto allo staff Waze per una ipotetica acquisizione, verosimilmente per integrare il servizio direttamente nel proprio sistema operativo mobile Android, il più diffuso al mondo. Per ora nessuno in Waze ha voluto commentare ufficialmente la notizia, ma siamo comunque di fronte a quella che potrebbe essere una vera e propria asta per una app molto ambita.

Gli introiti di Waze provengono da pubblicità localizzata, che nel 2011 ha portato a 11 milioni di dollari di incasso. Nulla, se confrontato alle offerte che girano per acquisirla, ma evidentemente il potenziale di questo strumento è molto elevato, destinato a crescere esponenzialmente al crescere della community. Waze in ogni caso potrebbe anche scegliere di non vendere a nessuno e proseguire per la propria strada, ma in mancanza di commenti ufficiali è difficile dire di più.

© Riproduzione Riservata

Commenti