Carlo Turchetti ritira la candidatura a sindaco: “nessun partito e nessun movimento mi ha dato l’ opportunità di partecipare alla competizione elettorale. Mi allontano in punta di piedi. Non ci sono le condizioni per proseguire”

Carlo Turchetti

Carlo Turchetti lascia ufficialmente la contesa elettorale.  L’economista taorminese (attuale Governatore del Kiwanis Internazional – Distretto Italia San Marino) ha ufficializzato in una nota la sua decisione di non candidarsi a sindaco.

Dal prof. Turchetti riceviamo e pubblichiamo:

“Con la mia lettera dell’ 8 Aprile 2013 indirizzata ai miei Concittadini Taorminesi mi sono proposto alla carica di sindaco della città.

Per quanti non mi conoscevano ho illustrato in sintesi la mia storia, ho rammentato la mia famiglia i miei studi e le mie positive attività professionali e culturali tutte coese verso l’Amministrazione Politica della Cosa Pubblica ai più alti livelli Sociali, Giuridici, Economici, Contabili e Amministrativi.

Corollari di una sana e trasparente Amministrazione Comunale che Taormina chiede e merita.

Ritenevo la mia candidatura un tributo di Onore verso la mia Città, un autentico dovere Etico con lo scopo di condensare i molti ideali che ci uniscono piuttosto che coltivare i pochi dissapori che ci allontanano.

Un progetto Sociale teso a guarire Taormina dai tanti malanni che l’affliggono e che nel tempo si sono acuiti fino a condurre la Città verso una situazione priva di prospettive, in un clima…di non ritorno.

Il mio concetto di “ Civitas “ è un “unicum” tra Centro storico e periferie. Una sola anima, idonea ad accogliere tutte le positive proposte finalizzate al “Bene Comune”.

Avrei voluto riunire le competenze migliori che la città offre, costituire squadra, la cui massima aspirazione fosse: Fare crescere Taormina per assicurare il futuro ai nostri figli.
Per tale ragione mi sono speso al fine di conseguire l’obiettivo di un’elezione democratica.

Ho incontrato le bellissime persone che ho sempre amato e che mi stimano, le ho sentite entusiaste delle idee di rinnovamento da me prospettate. Da parte dei politici responsabili più rappresentativi che ho avvicinato, ho ottenuto educate risposte di maniera.

Esprimo stima nei loro confronti e l’augurio di meritato successo. Offro la mia disponibilità esortandoli, nei loro programmi, a:

– Parlare con chiarezza ai Cittadini della necessità di un duro programma di risanamento finanziario del Comune
– Predisporre, con limpidezza, un elenco di facile lettura delle economie che si intende realizzare per limitare drasticamente le spese onde ridurre il carico fiscale complessivo
– Far conoscere subito, in modo trasparente, il piano di sviluppo a medio o lungo termine idoneo a dare speranza e prospettive alla nostra maltrattata Città e aspettative di occupazione ai nostri ragazzi
– Ideare e proporre, a tutti i soggetti imprenditoriali, un intelligente progetto di offerta turistica credibile e differenziato idoneo a prolungare la stagione turistica a 11 mesi l’anno
– Indicare un programma operativo concreto per la questione a me più cara e da tutti sensibilmente avvertita, un serio aiuto alle persone più sfortunate, ai bambini bisognosi e alle famiglie in difficoltà, da erogare nella forma che, in nessun caso, ne offenda la dignità
– Ordinare, senza indugi, un processo di semplificazione, a costo zero, per eliminare gli oneri connessi al perpetuarsi della piaga di una burocrazia insulsa e parassitaria
– Operare una svolta di sistema : investire in intelligenza innovativa, insegnando ai nostri giovani Diplomati e Laureati, attraverso un Master di Specializzazione di I° Livello, il metodo pratico/giuridico per l’ottenimento e l’utilizzo delle risorse europee
– Coinvolgere i Cittadini, attraverso l’esempio degli Amministratori, a collaborare in questo straordinario sforzo di tutti inteso a restituire dignità e prestigio alla nostra Città.
Nessun partito e nessun movimento mi ha dato l’ opportunità di partecipare alla competizione elettorale. Miei cari amici e concittadini, non mi rimane che fare gli auguri migliori a tutti Voi di eleggere la persona che più stimate e che Taormina merita come sindaco.

Con rammarico faccio un passo indietro e ritiro la mia candidatura a primo Cittadino. Mi allontano, in punta di piedi, così come mi ero proposto, non essendoci le condizioni per proseguire.
Un cordiale saluto a tutti gli amici”.

© Riproduzione Riservata

Commenti