Nella nuova Fondazione avranno un ruolo di rilievo artisti di fama mondiale come Lorin Maazel e Chiara Taigi. La direzione artistica potrebbe essere affidata al maestro Enrico Castiglione. “Autonomia gestionale e programma triennale in un progetto che valorizzerà come luogo di eccellenza Taormina e il Teatro Antico”.

“Creata e promossa con l’obiettivo di dar vita ogni anno a Taormina ad un festival internazionale di musica, opera, danza, arte e in genere di spettacolo dal vivo – si legge in una nota -, la Fondazione Taormina Festival nasce in un periodo tutt’altro che propizio per l’arte, la cultura e lo spettacolo in genere, in cui persino i teatri, i festival e le rassegne più prestigiose soffrono la tendenza ormai cronica degli organi governativi e degli enti locali a tagliare sensibilmente finanziamenti e contributi, quando non rischiano addirittura la chiusura non solo per via della crisi economica ma anche per via di gestioni sbagliate scarsamente competitive”.

Nella nuova Fondazione, secondo alcune indiscrezioni, avranno un ruolo artisti di rilievo come il maestro Lorin Maazel, direttore d’orchestra tra i più celebrati nel mondo, ed inoltre il soprano Chiara Taigi, che non hanno mai nascosto di avere Taormina “nel cuore” e rimasti quindi affascinati dal fascino della località turistica. Entrambi, per altro, sono stati protagonisti già in questi anni a Taormina nell’ambito delle opere proposte al Teatro Antico dal maestro Enrico Castiglione.

E proprio il nome di Castiglione, da sette anni protagonista nella “Perla dello Jonio” con le sue stagioni operistiche di grande successo (con TaoArte e poi con il Bellini Festival) figura tra i papabili per assumere la direzione artistica della nuova fondazione. L’ente appena costituito punta su “un’autonomia gestionale e una programmazione triennale”. Adesso si attende di conoscere che vengano comunicati in via ufficiale i promotori e i responsabili artistici della neonata Fondazione. C’è, insomma, curiosità e si tratterebbe di un’iniziativa sostenuta da artisti di fama nel settore dello spettacolo dal vivo, nonché da investitori e di produttori privati nel mondo della musica classica, dell’opera e la danza internazionale”. Nei prossimi giorni si terrà una conferenza stampa di presentazione della rassegna, nella quale verranno quindi comunicati fondatori, organizzatori e direttori artistici.

“Tra gli enti e le istituzioni che patrocinano la Fondazione Taormina Festival, la cui struttura e programmazione sarà presentata nei prossimi giorni proprio a Taormina – si legge nel comunicato -, la RAI, ma anche la BBC e Arte, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l’Unione Europea. Dopo la prima riunione del Consiglio di Amministrazione, la Fondazione Taormina Festival renderà pubbliche le proprie cariche interne e soprattutto i direttori artistici che avranno il compito di dirigere le varie sezioni del Taormina Festival, scelti tra figure di rilievo nel mondo”. “La Fondazione porta il nome di Taormina proprio per la volontà di valorizzare come luogo di spettacolo d’eccellenza la cittadina di Taormina e il suo meraviglioso Teatro Antico, con l’obiettivo di distinguersi nel panorama produttivo ed organizzativo non solo siciliano bensì europeo grazie anche e soprattutto ad una programmazione triennale”.

© Riproduzione Riservata

Commenti