Era stato ricoverato per uno scompenso cardiaco e poi dimesso il primo maggio scorso. Aveva 92 anni. A gennaio la tragedia del figlio Vittorio

Ottavio Missoni

Lo stilista Ottavio Missoni è morto all’alba nella sua casa di Sumirago nel Varesotto. Missoni era stato dimesso il primo maggio dall’ospedale di Circolo di Varese – dove era stato ricoverato dopo un malore – ed era tornato nella sua villa di Sumirago, in provincia di Varese.

Lo stilista, che aveva compiuto 92 anni lo scorso 11 febbraio, è morto probabilmente a causa dei problemi cardiaci che erano stati alla base del suo ricovero la scorsa settimana. Accanto aveva la moglie Rosita e tutta la famiglia.

Era stato subito dimesso perché era voluto tornare a casa ma le sue condizioni restavano complicate. In questi ultimi giorni, secondo quanto trapela da ambienti della famiglia, appariva molto abbattuto per le sue condizioni ma non c’erano avvisaglie di un’imminente fine. Tanto che ieri aveva voluto vedere in televisione un incontro di tennis. Le sue condizioni sono peggiorate durante la notte.

La famiglia Missoni era stata recentemente colpita da un’altra tragedia: il figlio dello stilista, Vittorio, risulta scomparso dal 4 gennaio scorso, quando sull’arcipelago di Los Roques sparì nel nulla il velivolo su cui era a bordo insieme ad altri tre italiani. Da quel momento lo stilista non si era mai ripreso, appariva abbattuto anche se non aveva mai voluto parlare della vicenda.

© Riproduzione Riservata

Commenti