Il pontefice: “prego per i bimbi. Impegno con chiarezza e coraggio affinché tutti i piccoli siano difesi e tutelati”

Papa Francesco

Anche senza citarla mai direttamente, papa Francesco ha lanciato il suo monito contro la pedofilia. Lo ha fatto nel corso della preghiera del Regina Coeli – che in questo periodo liturgico sostituisce l’Angelus – citando «quanti hanno sofferto e soffrono a causa di abusi». «Vorrei dire con forza», ha detto il pontefice, «che tutti dobbiamo impegnarci con chiarezza e coraggio affinché ogni persona umana, specialmente i bambini, che sono tra le categorie più vulnerabili, sia sempre difesa e tutelata».

In una piazza San Pietro gremita, nonostante la pioggia, papa Francesco ha accolto oltre 50mila rappresentanti delle confraternite di tutto il mondo nella Giornata dei bambini vittime della violenza. Papa Bergoglio ha assicurato la sua vicinanza chiedendo «coraggio» per la loro tutela e sottolineando come siano «tra le categorie più vulnerabili».

Il pontefice ha ricordato che non è «al di fuori», ma «nella Chiesa» che le prime comunità cristiane trovarono la forza di superare le difficoltà. Francesco lo ha fatto notare, richiamando all’ecclesialità e alla comunione, nel corso dell’omelia e citando gli Atti degli apostoli sottolinea che pure «nella Chiesa nascente ci fu subito bisogno di discernere ciò che essenziale per essere cristiani, per seguire Cristo, e che cosa non lo è». Quella, aggiunge, fu «un’occasione provvidenziale» per chiarire le due indicazioni che il papa ritiene ancora essenziali per ogni cristiano: «Credere in Gesù Cristo morto e risorto per i nostri peccati, e amarsi come lui ci ha amati».

© Riproduzione Riservata

Commenti