I genitori della bambina taorminese che ha sconfitto una grave forma di scoliosi, ringraziano tutti coloro che da ogni parte d’Italia hanno contribuito alla raccolta fondi. Una grande gara di solidarietà ha salvato la vita a Sofia

la piccola Sofia nell’aula consiliare di Taormina

La sua storia ha commosso tanta gente e adesso che ha vinto la battaglia per la vita, per la piccola Sofia è arrivato il momento della festa e del ringraziamento a tutti coloro che l’hanno sostenuta e aiutata.

I genitori della bambina taorminese di 3 anni, Martina e Davide, insieme al presidente del Comitato “Un sorriso per Sofia”, Antonio Faraci, hanno ufficialmente ringraziato nelle scorse ore in Consiglio comunale, alla presenze della Giunta e dei consiglieri, tutta la cittadinanza di Taormina “per il grande affetto e la straordinaria solidarietà dimostrata nella compagna raccolta fondi per l’intervento urgente e costosissimo eseguito negli Usa”.

La scena più bella è stata quella della bambina che correva e giocava in aula consiliare nel corso della cerimonia. Sofia, come si ricorderà, si è sottoposta a Sacramento, ad un intervento che le ha consentito di sconfiggere una grave forma di scoliosi.

Numerose sono state le iniziative, dallo scorso ottobre, a sostegno di una raccolta fondi che ha raggiunto quota 228 mila 995 euro, destinati alle spese per operare la bimba e curarla. La raccolta – spiega il presidente del Comitato “Un sorriso per Sofia”, Faraci – ha coinvolto con eventi benefici vari 150 artisti, oltre 200 atleti, 5 mila studenti di ogni ordine e grado, oltre 4 mila donazioni tra bonifici e donazioni, 350 collaboratori nei Comuni, 20 parrocchie interessate, più di 100 eventi realizzati.

Grazie all’operazione perfettamente effettuata in California dal prof. George Picetti per la bambina è stato scongiurato il pericolo futuro della paraplegia.

Dopo aver iniziato la terapia riabilitatoria in America, adesso l’iter sta proseguendo a Taormina. L’intera comunità si è stretta con generosità attorno a una bimba che è diventata idealmente figlia di un’intera comunità, non solo nella città del Centauro ma anche nei tanti Comuni della Sicilia e in altre regioni italiane che hanno contribuito alla raccolta fondi.

Donazioni sono state fatte anche dalla Russia e America. Davide e Martina hanno voluto esprimere il loro grazie per l’enorme dimostrazione di solidarietà che ha consentito a Sofia di conquistarsi un futuro normale come tutti i bambini della sua età e una vita che non sarà più all’insegna delle sofferenze e del corsetto a lungo indossato.

© Riproduzione Riservata

Commenti