Il Comune di Taormina prova a bloccare gli effetti della prevista vendita dei locali dei Salesiani di Taormina. Il Civico consesso, presieduto da Eugenio Raneri, ha deliberato all’unanimità un atto di indirizzo finalizzato a impedire il cambio di destinazione d’uso degli edifici in possesso dell’Oratorio Salesiano. E’ giunta all’attenzione dell’aula la petizione popolare promossa dagli Ex Allievi e dall’Adma “per scongiurare la vendita dei Salesiani e la scomparsa dell’Istituto dalla città” e alla casa municipale è stato chiesto di adottare “tutti gli atti necessari alla risoluzione del gravissimo problema”. In questa direzione si è deciso di porre un vincolo con il quale impedire a chiunque di cambiare la destinazione dei locali.

“Il nuovo – afferma il Consiglio – non può cancellare le esperienze storico-sociali di Taormina”. Di recente i responsabili regionali dell’istituto, che hanno deciso la vendita di alcuni locali dell’Oratorio “San Giorgio” di salita Acropoli, hanno informalmente comunicato in risposta alle sollecitazioni arrivate da Taormina, che la vendita “potrebbe non avere effetti immediati”.

Ma, in effetti, allo stato attuale si trovano ancora in vendita “due unità immobiliari tra loro collegate, ovvero una villa nobiliare di 1000 mq, di cui 820 coperti ed il CineTeatro “San Giorgio” di circa 235 mq, con un’ampia terrazza panoramica di 145 mq e con una porzione sottostante di circa 270 mq” (l’ex sala giochi, saloni e laboratori). Non sono stati destinati alla dismissione il campetto e l’attiguo edificio che osptava in passato le scuole ed il catechismo. Anche questi tuttavia potrebbero subire la stessa sorte tra qualche tempo. Ora è stato posto il diniego a un diverso utilizzo dei vari locali in possesso dei Salesiani. Si parla di beni del valore di circa 10 milioni per la cui dismissione è stata incaricata una società immobiliare. All’Oratorio in 102 anni sono cresciuti intere generazioni di taorminesi: un pezzo di storia che, per tanti motivi, non può essere cancellata.

© Riproduzione Riservata

Commenti