La showgirl “fa pubblicità occulta ai biberon”. Critiche per l’acquisto di latte in polvere finito poi in copertina

Belen in copertina su “Chi”

La neo-mamma Belen, che vive con i paparazzi alle calcagna, ha commesso un passo falso, capace di scatenare le ire dei pediatri. L’ingenua showgirl, a pochi giorni dal parto, ha infatti osato varcare la soglia di una farmacia per far scorta di tettarelle e latte in polvere a favor di telecamera.

Le foto in questione, pubblicate su Chi insieme alla scellerata affermazione della Rodriguez: “sto imparando a usare il biberon. Fondamentale”, ha fatto subito partire una denuncia da parte della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) per pubblicità occulta -vietata per legge- con chiari intenti commerciali verso modalità non naturali di nutrizione. E sì che la famosa mammina era partita bene con la scena dell’allattamento al seno al parco, ma poi è scivolata sulla cosiddetta “aggiunta” di latte integrativo in polvere, tanto comoda, quanto criticata dagli esperti nutrizionisti. Noi pediatri della SIPPS – afferma il dottor Giuseppe Di Mauro, Presidente della SIPPS – intendiamo denunciare ogni pubblicità occulta di latte artificiale, biberon e tettarelle soprattutto quando sfrutta immagini di personaggi di grande visibilità mediatica per dare messaggi gravemente fuorvianti come l’utilizzo di latte artificiale a discapito del latte materno (…) Al contrario, sarebbe opportuno piuttosto che, da parte dei media, venisse sottolineata la scelta naturale di una madre che, anche se famosa, garantisce al suo bambino il proprio latte, in assoluto il migliore”.

Ma Belen è ormai abituata alle critiche e ci vuole ben altro per scalfirla. A nemmeno un mese dalla nascita del piccolo Santiago, ha già recuperato i suoi addominali ed è tornata al lavoro non in tv, ma alla presentazione della sua nuova collezione Imperfect di Fred Mello, dove per l’occasione tutti gli abiti sono stati profumati con fragranze speciali.

© Riproduzione Riservata

Commenti