Potrebbe essere definita a breve la nuova convenzione tra Comune e Off Side per la ripresa delle opere in contrada Vareggio. Serve l’ok del Consiglio comunale

il golf a Taormina nel 2015?

L’iter per il campo da golf di contrada Vareggio resta in attesa di una svolta. Il dirigente dell’Ufficio Tecnico comunale – Area Urbanistica, Massimo Puglisi, ha reso noto in sede di Civico consesso, nella più recente seduta (che ha riguardato l’adozione del Piano di Protezione Civile), che “si sta procedendo alla stipula della nuova convenzione del golf”.

“Si attende adesso – ha spiegato il funzionario – la presentazione della nuova bozza di intesa per definire la proposta di delibera”.

La Seconda commissione consiliare, in questa fase, è stata chiamata ad esitare la proposta di transazione tra il Comune e la “Off Side”, società che detiene la proprietà dei terreni. Si tratta di avere un quadro definitivo degli incartamenti sulla base dei quali poter cosi procedere al relativo parere da esprimere. A quel punto si effettuerà la discussione in Consiglio comunale, necessaria a dare il via libera per la ripresa delle opere ferme ormai dal novembre 2011.

A poco più di un mese dalle elezioni è possibile che la definizione dell’iter possa passare, a questo punto, alla prossima Amministrazione e quindi alla legislatura che inizierà a giugno.

Si parla, come detto, della nuova concessione necessaria alla proprietà dei terreni per riprendere i lavori, possibilmente entro la stagione estiva e quindi nel periodo del bel tempo, prima che poi si ripropongano i mesi di pioggia.

Il Comune ha proposto una transazione che è già all’esame della società – la Off Side -, e secondo quanto contemplato nel documento il privato non chiederebbe nessuno obbligo alla casa municipale rispetto ai danni alluvionali e si impegnerebbe altresì a sostenere il costo di alcuni interventi per l’acquedotto pubblico.

La società dovrebbe, quindi, rinunciare a tutti i ricorsi promossi ed andrebbe ad occuparsi della risoluzione delle problematiche inerenti anche la viabilità attorno al complesso di “Vareggio”. Alla proprietà dei terreni è stato inoltre chiesto di porre in essere la canalizzazione delle acque superficiali per proteggere strutture e campo da golf dalle precipitazioni che defluiscono su di esse.

Il Comune di Taormina si impegnerebbe, invece, a riconoscere la valenza dell’opera in corso di realizzazione da parte della “Off side srl” sotto il profilo turistico ambientale ed occupazionale, istruendo il procedimento amministrativo per la proroga della convenzione urbanistica.

Confermata, invece, la previsione dismissione da parte di Palazzo dei Giurati di una stradina che verrà rilevata dall’impresa, per l’esattezza la via San Francesco di Paola, all’ingresso del nascituro green. Questa piccola arteria è già stata inserita dal Comune tra i beni disponibili all’alienazione.

C’è un’intesa sostanziale tra le parti e si tratta per lo più di definire i dettagli della convenzione, per approvare il documento quanto prima e consentire all’impresa incaricata di far ripartire i lavori. Inizialmente si era pensato che il complesso ricettivo con annesso campo da golf potesse essere pronto nel 2013, ma poi l’alluvione ha stravolto tutto e ora sarebbe già un traguardo poter far riprendere il cantiere e guardare, secondo alcune previsioni, al 2015 come un obiettivo temporale per “battezzare” finalmente una struttura che potrebbe dare un impulso di rilievo al turismo di Taormina.

© Riproduzione Riservata

Commenti