Raccolta atti di studi internazionali sull’ambiente sonoro, l’ecologia e il tema dell’inquinamento acustico

inquinamento acustico

Il  giorno 13 aprile  alle ore 09.30 la “Fratini Editore”, in occasione dell’incontro “Per chi suona il paesaggio?” presso gli Spazi Urbani Contemporanei delle Murate ha presentato il volume “Keep An Ear On – Atti del V Simposio Internazionale sul Paesaggio Sonoro”, curato da Stefania Giametta e Francesco Michi.

La “Fratini Editore” aderendo all’iniziativa ha anche così inaugurato la collana Suite con le sue prime due pubblicazioni: l’uscita speciale degli atti del V Simposio Internazionale sul Paesaggio Sonoro  indetto dal Forum Klanglandschaft (FKL) a Firenze nel Maggio 2011, e il saggio Sotto il pentagramma di Rodolfo Tommasi.

Come si legge nel comunicato stampa diffuso dalla casa editrice: « Gli atti raccolgono ventidue interventi, ognuno dei quali corredato di note e arricchito da un ricco repertorio di immagini a colori, cui aggiunge le biografie degli oratori e l’elenco dei partecipanti alle relazioni, ai concerti e alle installazioni audio-video. La rosa degli oratori abbraccia sia l’ambito artistico, con musicisti ed artisti, sia quello tecnico-scientifico, con ricercatori, professori, musicologi, urbanisti ed architetti.

La raccolta comprende interventi in tre diverse lingue (italiano, inglese, francese) nel rispetto dell’ambiente internazionale che ha dato vita al volume. Esso rappresenta dunque un contributo a la page, scientifico e multidisciplinare nel campo degli studi sull’ambiente sonoro, l’ecologia e l’inquinamento acustico.

Alla manifestazione del 13 Aprile ha partecipato anche il curatore della collana Rodolfo Tommasi. Sono intervenuti inoltre anche altri studiosi, artisti, professionisti, rappresentanti di associazioni culturali, enti ed istituti. Al termine della giornata c’è stato un concerto di suoni spazializzati in un ambiente sonoro tridimensionale.

“Fratini editore” nel mese di maggio parteciperà anche al “Salone del libro” a Torino. Qui esporrà i suoi lavori nella sezione “Book to the future” dedicata al libro digitale che sarà inaugurata quest’anno per la prima volta. “Fratini editore” infatti ha puntato tutto sull’innovazione tecnologica e sul libro digitale.

Il fine è di passare dalla  carta all’e-pub ed allo stesso tempo di salvare e tutelare il patrimonio librario cartaceo come un tesoro del passato, guardando al futuro e sperimentando le nuove forme di comunicazione che l’evoluzione tecnologica offre.

Si tratta di un progetto ambizioso e di una grande sfida che “Fratini editore” porterà come nuova proposta al Salone del libro di Torino a maggio. Sulla pagina facebook della casa editrice si legge:

«Un futuro costruttivo e innovativo si realizza sulle solide fondamenta delle conoscenze trascorse. Se pensiamo, inoltre, che per motivi legati alla tutela dell’ambiente, nel caso specifico degli alberi, la carta diventerà sempre più un prodotto prezioso, cosi come gli amati libri di carta, le stampe saranno davvero un bene di lusso e per pochi.

Il web d’altra parte potrà offrire prodotti di più largo consumo e accessibilità; gli e-book per chi ama la lettura ristabiliranno forse quella varietà libraria e quella scelta democratica che i lettori non hanno più avuto, dinanzi alla globalizzazione e monopolizzazione economica dell’editoria principe. Coloro che invece sono sempre più attratti da altri canali di comunicazione potranno sperimentare il piacere sempre intimo della lettura: amati fogli, amati file…»

© Riproduzione Riservata

Commenti