Placet dell’aula a un emendamento del consigliere Composto per la futura arteria che può rappresentare un’alternativa al caos viario della via Francavilla

via Francavilla

Il Consiglio comunale ha esitato, nell’ambito della discussione per la (avvenuta) approvazione di 100 alloggi in contrada Fiascara, un emendamento che potrebbe facilitare la futura realizzazione di una circonvallazione a Trappitello. Da anni si parla della necessità di creare un’alternativa alla via Francavilla, arteria ormai troppo spesso interessata da code veicolari.

“L’obiettivo – ha spiegato il consigliere Giuseppe Composto, che ha presentato in aula l’emendamento in questione – è quello di arrivare alla previsione di un tracciato che sia alternativo alla via Francavilla, connettendo la strada statale con il viadotto che arriva al “Santa Venera” e sin qui mancano circa 400-450 metri.

Tenendo conto che nella convenzione di edilizia in contrada Fiascara il proprietario ha manifestato a cedere 3/4 di strada interna alla lottizzazione, per consentire in termini concreti la prospettiva della circonvallazione basterebbe interloquire con un altro proprietario di un terreno limitrofo in zona nel quale, un fondo cioè adibito ad agrumeto, di circa 400 metri per una larghezza di 6 metri. In questo modo l’opera sarebbe fattibile e la viabilità troverebbe un nuovo sbocco: la via Francavilla, liberata in tal modo dalla presenza degli autobus, diventerebbe un volano di carattere commerciale”.

Viste le, ben note, difficoltà di risorse finanziarie che ha attualmente il Comune di Taormina, è stato così previsto che dagli oneri di urbanizzazione della delibera per gli alloggi di contrada Fiascara, con questo emendamento – presentato da Composto con la collaborazione del presidente del Consiglio, Eugenio Raneri – venga previsto un fondo ad hoc per l’esproprio del terreno e la realizzazione delle opere finalizzate a facilitare la futura previsione della circonvallazione a Trappitello

© Riproduzione Riservata

Commenti