I nuovi tablet saranno controllati con la mente: ma ci vorrà ancora tempo per un prototipo funzionante

Il copricapo per interfacciare il nostro cervello al dispositivo (foto MIT Technology Review)

Lo schermo di un tablet potrà essere controllato con la mente. Samsung ha ideato un brevetto assieme al professor Roozbeh Jafari della University of Texas di Dallas che prevede la creazione di un tablet controllato attraverso l’elettroencefalogramma, ossia con un sistema EEG wireless.

Gli studi sono ancora nelle fasi iniziali e potremmo attendere parecchio tempo prima di vedere un prototipo funzionante. Al momento si ricerca di collegare l’utilizzo dell’elettronica alla stimolazione di alcune parti del cervello note, in modo da associare un’azione ad un determinato comportamento di occhi e cervello.

Nella dimostrazione data al sito Technology Review, i ricercatori erano in grado di aprire le applicazioni semplicemente fissandole con lo sguardo. Attualmente le tecnologie alla base dello studio sono in fase embrionale, Jafari starebbe cercando un diverso tipo di elettrodi che possono essere inseriti facilmente all’interno di un dispositivo mobile. Quando il professore riuscirà nel suo intento, probabilmente avremo bisogno di un copricapo per interfacciare il nostro cervello al dispositivo.

© Riproduzione Riservata

Commenti