Proroga della motorizzazione ma i lavori al muretto franato dovranno adesso essere eseguiti al più presto

la funivia di Taormina

Si allontana il pericolo di una nuova chiusura della funivia. Questa la prospettiva emersa a seguito dei contatti intercorsi in queste ore tra i responsabili del sistema di trasporto su fune e la Motorizzazione di Catania, che si sono anche incontrati pochi giorni fa. Sulla questione hanno fatto il punto della situazione il direttore di esercizio della funivia, Sergio Sottile, e il progettista dell’intervento, Giulia Vinciguerra. In ogni caso, stando a quanto emerso, per il momento, appare scongiurata l’ipotesi di chiusura temporanea.

La funivia ha avuto dunque una proroga per quanto concerne la realizzazione degli interventi ad un muretto crollato, che si trova nei pressi di un pilone del percorso della funivia e che aveva fatto paventare la possibilità di sospensione temporanea del servizio. Si tratta di un accordo che, però, prevede per forza di cose in tempi molto stretti la realizzazione delle opere necessarie. In questo caso sarà determinante il parere della Soprintendenza e altri incartamenti espressamente richiesti dall’Ufficio tecnico comunale.

Nemmeno il tempo di riaprire e la funivia già rischiava di nuovo la chiusura. L’impianto di collegamento tra il centro storico e la zona litoranea di Taormina, come si sa, era rimasto chiuso nei mesi recenti per i lavori di manutenzione che si effettuano nel periodo invernale ed era stato ripristinato in occasione del recente periodo di Pasqua.

Asm si è attivata già nei mesi scorsi per la necessaria esecuzione di alcune opere di consolidamento lungo il percorso della funivia, dove appunto ora il problema da risolvere concerne un muretto vicino al tracciato. La motorizzazione ha per questo intimato nei giorni scorsi ad Asm di realizzare le opere in breve tempo altrimenti si dovrebbe chiudere la funivia fino alla messa in atto degli interventi.

Il piano d’intervento è stato cosi inviato dall’azienda al competente Ufficio Tecnico, che a sua volta ha richiesto un’integrazione della documentazione in oggetto. Il caso del muretto da consolidare lungo la funivia ha riproposto la preoccupazione tra gli imprenditori di Mazzarò e Isolabella, per i quali non sembra proprio esserci “pace” alla vigilia di questa stagione turistica e che continuano ad attendere i lavori di messa in sicurezza e consolidamento della SS114.

© Riproduzione Riservata

Commenti