Accordo su Marini tra Bersani, Berlusconi, Monti, Maroni. Fumata nera intanto al primo scrutinio. Grillo è una furia: “sarà il presidente di Berlusconi, quello degli italiani è Rodotà”

Franco Marini

Fumata nera allo scrutinio della prima votazione per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica presieduto dalla presidente della Camera Laura Boldrini. Marini è in testa su Rodotà ma comunque lontano dal quorum dei due terzi. Su 710 voti scrutinati sul totale dei 1007 grandi elettori l’ex sindacalista ne ha presi solo 390 e questo vuol dire che non ce la farà a superare il numero necessario che è di 672.

Eppure a scommettere sulla vittoria di Marini era stato Silvio Berlusconi. All’inizio sembrava non voler rispondere: “Scusate, non parlo, la situazione è…”, dice il Cavaliere lasciando Montecitorio. Ma alla domanda su cosa succederà se Marini non dovesse essere eletto capo dello Stato alla prima votazione, il leader del Pdl aveva risposto: “Passerà”.

Anche la Lega compatta. Umberto Bossi si era mostrato ottimista rispetto alla possibilità che Marini venisse eletto presidente della Repubblica già alla prima votazione. Il senatur ha risposto infatti con un sì ai giornalisti che glielo chiedono.

© Riproduzione Riservata

Commenti