Le autorità stanno cercando di identificare 2 persone. Obama oggi in visita dalle persone ferite nell’attentato

l’attentato a Boston

Sarebbero due i sospetti ricercati dalle autorità statunitensi, ripresi dalle telecamere di sorveglianza nei pressi dell’arrivo della maratona di Boston, dove lunedì un attentato ha provocato la morte di due ragazze e un bambino e il ferimento di più di 170 persone. A dirlo sono state fonti vicine agli investigatori, secondo quanto riportato dalla Cnn. Le autorità stanno ora cercando di identificarle.

Le autorità, ieri sera, hanno invece smentito di aver arrestato un presunto colpevole, dopo che la notizia era stata diffusa dagli organi di stampa statunitensi.

Intanto, 112 dei 178 ricoverati in ospedale sono stati dimessi, secondo la Cnn; tredici persone sarebbero ancora in gravi condizioni. Oggi, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, sarà a Boston per la cerimonia interreligiosa per le vittime, in programma alle 11 (le 17 in Italia) nella Cattedrale della Santa Croce.

Barack e Michelle Obama desiderano, nel corso della visita che effettueranno oggi a Boston, non solo prendere parte alla cerimonia interconfessionale per le vittime dell’attentato alla maratona, ma anche andare a trovare i feriti. Ad annunciarlo è stato il governatore Deval Patrick. Il presidente Obama «è interessato a venire a visitare uno o due ospedali, e così Michelle Obama», ha dichiarato Patrick, secondo quanto riferisce `Politico´.

Resta nel mirino un uomo con una borsa nera. Il sospettato ripreso da alcune telecamere avrebbe posato a terra la borsa e poi si sarebbe allontanato. La polizia di Boston non hanno effettuato alcun arresto e ciò lascia supporre che manchino ancora dei tasselli: altri accertamenti sono in corso.

Stanno assumendo sempre sempre più i contorni di un giallo nel giallo gli ultimi sviluppi nelle indagini sull’attentato di Boston. L’attesissima conferenza stampa dell’Fbi e della polizia prevista per ieri sera è stata annullata. Avrebbe dovuto fare chiarezza dopo l’annuncio, poi smentito, da parte di alcuni media dell’arresto di un sospetto. Formalmente la decisone di annullare l’appuntamento è stata presa per l’allarme bomba nell’edificio della Corte federale, il John Joseph Moakley building.

© Riproduzione Riservata

Commenti