Assemblea generale dei lavoratori, che in una nota precisano di non voler “patteggiare” per nessuno, ma definiscono “un suicidio gestionale il possibile cambio di gestione a poco più di un mese dalle elezioni comunali”

bus navetta Asm

Il caso Asm domani sera in Consiglio comunale ma proprio alla vigilia della discussione in aula sull’iter di revoca del liquidatore, avviato dal sindaco, si e’ tenuta ieri mattina l’assemblea generale dei lavoratori della municipalizzata, nel corso della quale si e’ dibattuta proprio l’attuale situazione politica che investe direttamente l’ente municipalizzato che si occupa di servizi e trasporti.

“I lavoratori, nel manifestare la loro forte preoccupazione – si legge in una nota diffusa dall’assemblea dei lavoratori al termine della riunione -, non ritengono in questa fase di dovere fare alcuna valutazione in merito agli effetti e sui risultati della liquidazione. Al contempo però sottolineano l’assoluta inopportunita’ di una revoca del vertice aziendale e cio’ in quanto, a poco piu di un mese dalle elezioni amministrative, non si comprende quale che sia il progetto aziendale che si vuole porre in essere in un cosi breve lasso di tempo”.

“Si contesta – sempre secondo i lavoratori – un’ iniziativa che appare solo un’azione elettorale che, ancora una volta, non tiene nella dovuta considerazione, ne’ le necessita’ aziendali, ne’ le esigenze dei lavoratori che, in questa legislatura, hanno visto il susseguirsi di numerose persone alla guida di Asm, tutte durate troppo poco, per una seria programmazione di cui Asm ha estrema necessità”. Nell’assoluto rispetto per le competenze istituzionali di Sindaco, Giunta e Consiglio comunale – conclude il documento -, si fa appello al senso di responsabilita’ dei vari organi, al fine di valutare che per ASM, un nuovo cambio del vertice, con una prospettiva temporale di poco piu’ di un mese, comporterebbe esclusivamente un disservizio ed uno stato destabilizzante che non gioverebbe a nessuno, in altre parole un vero e proprio “suicidio gestionale”. Ricordiamo a tutti che Asm è un bene prezioso per questa citta’ ed e’ per noi e le nostre famiglie, mezzo di sostentamento, dobbiamo averne cura e rispetto, la campagna elettorale non puo’ passare sulle nostre teste e sui servizi che Asm rende a Taormina. Siamo sicuri che verra’ ben compreso il senso di questo appello che non tende a favorire niente e nessuno, ne uomini ne gruppi politici, a noi interessa Asm ed il nostro posto di lavoro”.

© Riproduzione Riservata

Commenti