Giornalista di Report vince le Quirinarie. Grillo: una signora contro i poteri forti. Becchi: “scacco a Bersani”

Milena Gabanelli

C’è una subordinata, anzi più d’una, nella scelta del candidato del Movimento 5 stelle per la presidenza della Repubblica. E’ quanto inizia a trapelare dalle prese di posizione degli esponenti del movimento: lo stesso Beppe Grillo, in un comizio in provincia di Pordenone, ha citato i tre nomi dei primi classificati della votazione on line degli iscritti: Milena Gabanelli, Gino Strada e Stefano Rodotà. Ora Roberto Fico, già candidato M5S alla prrsidenza della Camera, uno dei punti di riferimento del movimento, ha concluso così un suo post su Facebook: “Se Milena Gabanelli rifiuterà, il nostro candidato sarà Gino Strada o se no Stefano Rodotà. Benvenuti nel futuro!”.

“Il movimento cinque stelle – ha scritto Fico – è libero e indipendente e quindi può osare dove gli altri non osano. Milena Gabanelli è il primo nome venuto fuori dalle consultazioni online. Il M5S è il primo a fornire un candidato reale. Ecco quindi con grande soddisfazione il nostro nome per il Quirinale senza inciuci e senza subdoli compromessi”.

“Sfido tutti i partiti politici – ha proseguito Fico – a votare il nostro candidato che ha competenza e onestà da vendere. Mi rivolgo soprattutto al Pd e a Sel, cosa avete intenzione di fare? Porterete la vecchia politica come per esempio Massimo D’Alema o riuscirete ad avere un sussulto di libertà ed innovazione?”.

Dal canto suo, Paolo Becchi, professore vicino al movimento di Grillo, ha detto: “Se Gabanelli e Strada dovessero rifiutare entrerebbe in gioco Rodotà, la sua candidatura metterebbe in estrema difficoltà il Pd. È una figura di altissimo profilo e i democratici si troverebbe in difficoltà non votandolo e preferendo uno dei suoi ‘vecchi’ come Finocchiaro, Marini o Amato”. “Qualcuno nel Pd lo voterà”, ha detto ancora Becchi di Rodit, intervistato da “IntelligoNews”.

Questa la classifica completa delle votazioni online del M5S: Gabanelli Milena Jole; Strada Luigi detto Gino; Rodotà Stefano; Zagrebelsky Gustavo; Imposimato Ferdinando; Bonino Emma; Caselli Gian Carlo; Prodi Romano; Fo Dario. Sulla giornalista in vetta alle preferenze, Grillo ha detto: “E’ una signora che fa inchieste straordinarie contro tutti i poteri forti, ce li ha contro tutti”.

“Ringrazio – ha scritto Grillo sul suo blog – chi ha votato che, ricordo, doveva essere iscritto al MoVimento 5 Stelle al 31 dicembre 2012 con un documento di identità digitalizzato”.

“Di Pietro sarà meno contento”, ha poi ironizzato, ricordando l’inchiesta di Report che ha messo in difficoltà il leader dell’Idv prima delle elezioni.

© Riproduzione Riservata

Commenti