Bianconeri pronti a stringere i tempi per l’acquisto della punta uruguaiana del Liverpool: offerta da 30 milioni

Luis Suarez

Svanito il sogno europeo, la Juventus riparte pensando già alla prossima stagione e continua il suo pressing sull’attaccante uruguaiano del Liverpool, Luis Suarez.

La notizia, riportata dal The Express, non trova al momento conferme in ambienti vicini alla Juventus. O perlomeno, l’interesse su Suarez è noto da tempo, ma al momento non sembrano esserci stati dei passi avanti così decisi.

Suarez, in un recente impegno con la nazionale in Uruguay, aveva ammesso la possiblità di lasciare Liverpool per giocare la Champions League. E la Juventus sembra essere entrata nell’ottica di lanciarsi alla rincorsa dell’attaccante, con un’offerta da 30 milioni di euro.

Top player a parte, la Juventus è costantemente attiva sul mercato dei giovani e dei parametri zero di qualità. In particolare, non va dimenticato l’ingaggio già ufficializzato di Fernando Llorente, in scadenza di contratto con l’Athletic Bilbao. Un capolavoro di Marotta e Paratici, visto che a Torino arriva uno degli attaccanti principali della Spagna più forte di tutti i tempi: 21 presenze e 7 gol per il 28enne gigante di Pamplona. Rapidi e convincenti i vertici bianconeri, che hanno anticipato mezza Premier nella corsa El Rey León, mettendo sul tavolo un quadriennale da 5 milioni più bonus a stagione.

Poli e Diamanti Altri due affari sono in dirittura d’arrivo: si tratta di Poli e Diamanti. Impostata già a gennaio la trattativa con la Sampdoria per il centrocampista azzurro, classe 1989. Conte lo aveva puntato nella scorsa stagione, quando il ragazzo giocava nell’Inter. Diamanti è stato invece individuato come l’ideale sostituto dello sfortunato Pepe, che di fatto è fermo dalla scorsa estate e che quindi è tutto da valutare a livello di recupero. C’è pure l’Inter sul vicecampione d’Europa, manelle ultime settimane lo «scatto» bianconero è sembrato di quelli decisivi, grazie anche ai tanti affari che accomunano Juve e Bologna: vedi per esempio il prestito di Gabbiadini e la comproprietà di Sorensen. La duttilità di Diamanti (trequartista naturale, centrocampista puro all’occorrenza e anche ottima punta esterna) garantirebbe a Conte la possibilità di variare sistema e schemi con maggiore facilità rispetto al presente.

E per il futuro, al di là di Gabbiadini, 21enne attaccante che Conte sta valutando se lasciare in provincia per un’altra stagione, la Juve controlla altri baby prodigio che ingolosiscono più di un club: su tutti Richmond Boakye, classe ’93, 10 reti in B col Sassuolo, 5 presenze e 2 gol nella nazionale ghanese.

In caso di promozione in A, Boakye resterà probabilmente ancora nel club emiliano, e lo stesso farà Domenico Berardi, altro gioiellino bloccato da Andrea Agnelli e Beppe Marotta. Berardi è un attaccante esterno di appena 18 anni, vanta però già 30 presenze e 10 reti in serie B. Servirà invece quasi certamente a fare cassa Ciro Immobile, in comproprietà con il Genoa. Il torello napoletano non sembra infatti rientrare nemmeno nei piani futuri di Conte. Tornando ai «bimbi», il nazionale Under 20 brasiliano Mattheus Oliveira (figlio di Bebeto) arriverà alla Juve entro la fine dell’anno: si tratta di un centrocampista di 18 anni. Piace, infine, il 22enne Vasco Regini, jolly difensivo a metà fra Samp ed Empoli.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=dOMnZXXMPxg[/youtube]

 

© Riproduzione Riservata

Commenti