Il fondatore di Facebook apre ora una nuova battaglia: “dobbiamo essere competitivi in un’economia globale”

Mark Zuckerberg

E’ stata presentata questa mattina un’organizzazione fondata da Mark Zuckerberg, l’amministratore delegato di Facebook, che ha l’obiettivo di promuovere una riforma dell’immigrazione, che favorisca la concessione dei visti e l’ingresso nel Paese di persone qualificate. Zuckerberg ha esposto gli obiettivi del gruppo, chiamato Fwd.us, sul Washington Post.

Il nuovo gruppo di pressione avrà l’obiettivo di “promuovere politiche che mantengano gli Stati Uniti e i loro cittadini competitivi in un’economia globale, comprese le riforme dell’immigrazione e dell’istruzione”. Nella nuova avventura, la prima sul versante politico, il 28enne miliardario avrà a fianco il suo ex compagno di stanza a Harvard, Joe Green, fondatore e presidente dell’organizzazione, a sua volta imprenditore tecnologico di successo.

Sono molti i gruppi tecnologici che si sono lamentati della normativa attuale in tema di immigrazione perché – sostengono – rende difficile le assunzioni di talenti e laureati stranieri. Per questo, hanno aderito a Fwd.us anche Marissa Mayer, amministratore delegato di Yahoo, e altri manager della Silicon Valley.

© Riproduzione Riservata

Commenti