G8 annuncia uno “storico accordo”. Presente alla Londra anche Angelina Jolie. Fondi per le vittime di violenze

Angelina Jolie

Uno “storico accordo” è stato concluso oggi a Londra fra i ministri degli Esteri dei Paesi del G8, corredato dallo sblocco di 27,5 milioni di euro di fondi, per lottare contro le violenze sessuali perpetrate nelle zone di guerra. Lo ha annunciato il capo della diplomazia britannica William Hague. “Abbiamo raggiunto oggi uno storico accordo fra i ministri degli Esteri del G8 per lavorare insieme e porre fine alle violenze sessuali durante i conflitti”, ha dichiarato Hague in una conferenza stampa in presenza degli altri sette ministri dei Paesi del G8, dell’attrice Angelina Jolie e di Zainab Hawa Banqura, rappresentante speciale dell’Onu per la lotta contro le violenze sessuali nei conflitti armati.

“Abbiamo adottato una storica dichiarazione che stabilisce che lo stupro e le violenze sessuali in zone di guerra sono gravi infrazioni alla Convenzione di Ginevra allo stesso titolo dei crimini di guerra”, ha spiegato. “Ciò ci dà mandato di ricercare, di perseguire penalmente e di consegnare agli organi competenti qualsiasi persona che sia accusata di questi delitti, indipendentemente dalla nazionalità e dal Paese in cui si trovi”, ha aggiunto. Hague ha anche annunciato la nascita “di un protocollo internazionale sulle inchieste di stupro e di violenze sessuali nelle zone di conflitto”, che sarà “iniziato quest’anno” dal Regno Unito con l’aiuto di “esperti internazionali”.

© Riproduzione Riservata

Commenti