La sovrabbondanza di tale componente comporta un aumento delle probabilità di insorgenza di malattie cardiache del 20% negli uomini e al 40% nelle donne

allarme sugli alimenti ricchi di calcio

Il calcio rappresenta uno dei componenti più importanti per la nostra dieta, tanto che livelli bassi di questo minerale sono notoriamente causa di problemi alle ossa e ai denti.

Può essere assunto per via naturale, assieme agli alimenti e, nei casi più gravi di carenza, attraverso appositi integratori. Un’indagine pubblicata con grande rilievo dal «Journal of American Medical Association» ha però evidenziato per la prima volta i rischi per la salute legati all’abuso dell’integrazione di sali minerali.

studio, condotto nell’arco di 12 anni su un gruppo di soggetti di età compresa tra 50 e 71 anni in terapia con integratori, ha messo in luce come il calcio in eccesso finisca per depositarsi nelle arterie di quanti ingeriscono più di 1000 mg del minerale al giorno. Secondo i ricercatori la sovrabbondanza di tale componente comporta un aumento delle probabilità di insorgenza di malattie cardiache pari al 20% negli uomini e al 40% nelle donne.

Lo studio ha peraltro confermato che i pericoli sono praticamente inesistenti se il calcio viene assorbito nella dieta. In genere i supplementi di calcio vengono prescritti a chi soffre di patologie degenerative delle ossa, come l’osteoporosi che ne accentua la fragilità. Altra categoria di soggetti a cui vengono consigliati gli integratori, proprio per prevenire tale malattia, sono le donne nei periodi precedenti e in quelli immediatamente successivi alla menopausa.

© Riproduzione Riservata

Commenti