Il presidente nerazzurro furioso dopo gli errori arbitrali di Inter-Atalanta: “vogliono colpirci. Champions persa”

Massimo Moratti

Non ho cambiato idea. Quando c’è la volontà di colpire, si colpisce”: lo ha detto Massimo Moratti sulla questione del rigore assegnato all’Atalanta. Il presidente dell’Inter a caldo – ieri sera – sul tema degli arbitri aveva detto di non credere alla buona fede.

Massimo Moratti si scaglia contro la classe arbitrale. “Non ho bisogno di spiegare quanto ho detto ieri – ha dichiarato all’entrata negli uffici della Saras – Basta vedere come sta andando il campionato. Quando si vuole colpire si colpisce e quindi nel dubbio non si fischia il rigore su Rocchi, e questo accade da ventuno partite, mentre nel ‘non dubbiò si assegna quello contro di noi, perchè ieri davvero non c’era nulla”.

“Il traguardo della Champions è difficile da raggiungere. Non dobbiamo essere così fragili”. Lo ha detto Massimo Moratti all’entrata negli uffici della Saras il giorno dopo la sconfitta con l’Atalanta. In merito alla possibilità di eventuali cessioni in futuro il presidente ha risposto che “non è il momento per queste cose”.

“L’opinione di Bonolis è un suo giudizio, come io penso che siamo costantemente danneggiati. Al Milan risponderà lui”. È il commento di Massimo Moratti dopo le dichiarazioni del conduttore a Inter Channel. Bonolis aveva parlato di “sceneggiatura per portare il Milan in Champions”; il club rossonero ha risposto parlando di “dichiarazioni infondate e di eccezionale gravità”. Bonolis ha suggerito la possibilità che l’Inter schieri la squadra Primavera. “Non vogliamo aiutare ancora di più”, ha risposto Moratti.

© Riproduzione Riservata

Commenti