La capogruppo alla Camera, Lombardo dopo il summit a Fiumicino: “ogni mese ci sarà un vertice con Grillo”

Roberta Lombardi

“Renzi non è una persona nuova. Viene da un apparato di partito. E’ qualcosa di altro rispetto a noi”. Lo dice la capogruppo alla Camera del M5S, Roberta Lombardi parlando con i giornalisti al termine del vertice dei grillini a Fiumicino. Un incontro tra Grillo e i suoi parlamentari che si ripeterà una volta al mese – assicura – e che prevede il prossimo appuntamento dopo l’elezione del presidente della Repubblica.

“Chi deciderà di votare con il Pd farà una scelta personale tradendo gli impegni verso gli elettori. Sarà quindi lui a decidere di uscire dal Movimento. Non ci sono espulsioni, nessuno verrà cacciato” ha aggiunto Lombardi, spiegando che “non possiamo costringere nessuno a dimettersi”.

Lombardi dice di non aver parlato con Tommaso Currò, che ha chiesto un sostegno a un governo Pd e assicura che nella riunione di oggi, cui il deputato era assente, non è mai stato citato. Un altro scettico sulla linea, Walter Rizzetto, non è intervenuto nella discussione. La capogruppo spiega però che qualcuno ha parlato esprimendo perplessità “perchè sta passando il messaggio che il M5S blocca il Paese”.

“La premessa di costoro – spiega Lombardi – è stata che non si tratta di fare intese con il Pd nè alleanze, ma di fare una rosa di nomi per il governo”. Ma la linea votata nei giorni scorsi dalla maggioranza dei parlamentari resta ferma, quindi non verrà fatta nessuna rosa di nomi. “Anche chi aveva incertezza causate dalla pressione mediatica e dal Palazzo, oggi ha avuto un confronto pacato e sereno. Siamo tutti parte della stesse Rete, Grillo e Casaleggio sono i nostri terminali – conclude -. Noi prevediamo che ci sarà un governo di grandi intese”.

© Riproduzione Riservata

Commenti