Candidati e gruppi in gran fermento a Taormina per le elezioni del 9 e 10 giugno: consultazioni all’ora x per le alleanze. Restuccia già in campo. Composto, D’Agostino, Giardina e Passalacqua si contendono le nomination per la sindacatura. Intanto si attendono le decisioni dell’Ars

il 9 e 10 giugno elezioni a Taormina

A 65 giorni dal voto e a poche settimane ormai dalla presentazione delle liste, sono ore decisive a Taormina per la composizione degli schieramenti e le nomination alla prossima sindacatura.

Già ufficiale la candidatura di Cesare Restuccia (“Rinnovare Taormina”), adesso i riflettori sono puntati sulla definizione dello scacchiere e quindi le mosse dei vari potenziali candidati in corsa per la prima poltrona di Palazzo dei Giurati.

La recente uscita di scena di Mario Bolognari dalla competizione ha cambiato gli scenari e rimescolato gli orientamenti delle varie compagini in vista delle elezioni del 9 e 10 giugno.

In questa fase sono soprattutto Pinuccio Composto, Mario D’Agostino, Eligio Giardina e Mauro Passalacqua – li riportiamo in ordine rigorosamente alfabetico – i contendenti che si preparano alla volata finale per la candidatura a sindaco.

Composto (Fli) punta sull’asse preferenziale con il Pdl. D’Agostino (Udc) si sta muovendo per arrivare a un’intesa con il Pd. Giardina (“Taormina Unita”, lista anche di Vittorio Sabato) ha incassato il placet di “Taormina Città Nuova”, gruppo che fa riferimento a Salvo Cilona e Vittorio Conti. A spingere, invece, l’attuale primo cittadino Passalacqua a scendere in campo per ottenere il secondo mandato è, in particolare, l’area “pretoriana” della Giunta in carica, e dunque Carmelo Valentino, Marcello Muscolino e Antonella Garipoli.

Nel panorama locale sono in fermento parecchi gruppi politici, tra i quali appunto Fli, Pdl, Pd, “Progetto Taormin@”, “Taormina Bene Comune”, “Avanti Taormina”, “Tu Protagonista”, ed ovviamente c’è anche il Movimento Cinque Stelle, intenzionato a presentare una lista ed un proprio candidato sindaco.  

In queste ore, i pretendenti alla sindacatura aspettano anche le decisioni definitive dell’Ars sulla riforma elettorale, ed in particolare sulla doppia preferenza di genere.

“Rinnovare Taormina”, gruppo che sosterrà Restuccia, ha diffuso, infine, in queste ore una nota nella quale “si invita la cittadinanza ad un incontro politico che si svolgerà venerdì 5 Aprile, alle ore 19 in piazza Carmine, per discutere di idee, proposte, programmi e raccogliere suggerimenti e nuove adesioni. Verrà, inoltre, presentata l’alleanza con il movimento “Quota 205”.

© Riproduzione Riservata

Commenti