Il governatore propone all’artista di prendere il posto dei dimissionari Battiato e Zichichi: per lui pronta la nomina ad assessore al Turismo e la Cultura. Accetterà?

Fiorello

La sorpresa è di quelle clamorose. Fuori Battiato e Zichichi, dentro Fiorello. Il presidente della Regione Sicilia Crocetta stupisce tutti e pesca il jolly.

Se le indiscrezioni che arrivano da Palermo non saranno smentite nelle prossime ore – come riporta anche Tgcom 24 – sarà Rosario Fiorello il nome nuovo per la Giunta siciliana.

A Fiorello dovrebbero andare le deleghe dei due assessori uscenti, Beni culturali e Turismo: ora bisognerà vedere se accetterà.

Incassata la disponibilità dello showman, Crocetta sta cercando di rimuovere l’ultimo ostacolo, il no dei grillini siciliani che con il loro appoggio esterno stanno tenendo in piedi il governo regionale di centrosinistra dando vita al cosiddetto modello Sicilia che inutilmente Pier Luigi Bersani avevano tentato di esportare a Roma. I pentastellati locali non perdonano a Fiorello le battute sul capogruppo del M5S al Senato Vito Crimi, immortalato mentre dormiva al Senato.

“Ti scagli con chi cerca di cambiare l’Italia. Sei un poveraccio“ . “Traditore!! Chi ti paga? Il giaguaro? O Pierosticazzi?”. Su Twitter i grillini si sono scatenati: critiche, tante, insulti anche. In pochi, tra gli attivisti del Ms5 l’hanno buttata sul ridere. E qui è entrato in gioco Crocetta contattando direttamente Beppe Grillo. L’idea è quella di combinare un incontro a Palermo tra il comico genovese, Crimi e lo showman siciliano per ammorbidire la posizione del M5S davanti a una frittura di paranza in un locale di Ballarò, il mercato reso celebre da Renato Guttuso.

“Chi meglio di Fiorello – è il ragionamento di Crocetta con i suoi dopo il siluramento di Battiato e Zichichi – può rappresentare la nuova Sicilia a livello internazionale?”. Fiorello uomo immagine, certo, ma anche Fiorello uomo del fare. “Lui che è partito da un villaggio turistico come animatore porterà in Sicilia milioni di turisti, riempirà teatri e musei – si lascia andare su Facebook un collaboratore del presidente della Regione –. Qui in Sicilia abbiamo la storia, il mare, l’Etna, il sole, il buon vino e il pesce: ora anche Fiorello… Viva Crocetta, viva Fiorello!”.

In questa notizia che preannuncia l’ingresso di Fiorello in politica manca un particolare: quello che avete appena letto ovviamente è un pesce dì’Aprile…!!!!

© Riproduzione Riservata

Commenti