A Milano un mondo di occhiali: l’edizione 2013 di “Mido” ha rivolto lo sguardo al vero futuro del design ottico

“Mido 2013”

«C’è chi si mette degli occhiali da sole per avere più carisma e sintomatico mistero». Così cantava Franco Battiato nella sua «Bandiera bianca». Ma l’immaginario creato da un accessorio come gli occhiali, da vista o sunglasses, conta esempi infiniti. L’industria che si riferisce alle lenti è impressionante e il suo centro, almeno durante il weekend dal 2 al 4 marzo, è stata l’Italia. A Milano si è tenuto il Salone di Mido 2013, l’appuntamento più importante per tutto quello che ruota intorno al mondo dell’occhiale.

I Padiglioni di Fieramilano Rho-Pero hanno ospitato quasi 40.000 visitatori, che hanno potuto godere delle offerte di centinaia di brand e proposte. Comun denominatore lo stile, sofisticato o eccentrico, a volte retrò ma sicuramente trendy. Insomma tutto quello che poggerà sui nasi di tutto il mondo la prossima stagione. La scelta è sterminata: se sono molto in voga le forme avvolgenti, non bisogna trascurare le versioni da diva; per i materiali trionfa ancora la tartaruga anche se la plastica bianco e nera non perde i suoi seguaci.

Mido 2013 ha ampliato i propri confini nel design, attraverso la collaborazione con il Salone del Mobile 2013 (previsto per l’11 aprile fino al 14),: segno che ormai l’offerta deve esplorare forme nuove. Caratteristica che si è riscontrata anche nei settori nei quali è stata divisa la struttura di Mido: basti pensare al Design Lab dedicato alle aziende d’avanguardia.

Le grandi aziende dell’eyewear sono state ospitate nella sezione Mido Fashion District, particolare interesse ha riscosso l’Asian Pavilion e ampio spazio alle tecnologie da Mido Tec. Immancabile la tre giorni di congressi e corsi pratici per esperti del settore come ottici, optometristi, medici oculisti e ortottisti o assistenti di oftalmologia: un’iniziativa compresa nel programma Vision up-to-date 2013.

© Riproduzione Riservata

Commenti