Bersani si illude ancora di poter trovare i numeri ma il suo “sogno” di formare un governo è ormai chimera. Non gli rimane che rimettere il mandato nelle mani di Napolitano e proporre invece un Governo a 5 stelle

Pier Luigi Bersani

Pier Luigi Bersani Bersani si ostina. Ha ricevuto l’incarico da Presidente Napolitano e si è dato da fare. Fin troppo ed in un certo senso anche inspiegabilmente. Incontrare tutti, compreso la Gabanelli e Saviano farà parte di una strategia che lui ed il suo entourage avrà ritenuto fondamentale. Ma quello che tutti temiamo si è avverato. Nessuna intesa con il Movimento 5 stelle. Nessun inciucio con il Pdl.

E adesso? L’Italia si chiede cosa succederà. Oggi ad un mercato del centro storico di Palermo si esternava a voce alta un sentimento di profonda preoccupazione. Siamo nelle mani..Di chi? Tutti fanno ipotesi, ma nessuno sa realmente cosa succederà.

L’unica vera risposta è quella che potrà fornire il leader del Pd. Rimettere il mandato domani a Napolitano e proporre un Governo a 5 stelle.

Con l’appoggio del Partito Democratico. Questa sarebbe una mossa vincente. Affidare ai Grillini il timone del Paese. Lo rivendicano, lo invocano. E allora vuol dire che sono pronti ad assumersi responsabilità e impegni, in una sola parola: governo.

Da questa recente tornata elettorale nessuno ha vinto, ma tutti hanno perso. Un antico adagio dice : meglio perdere che straperdere. E dunque il Paese non può concedersi il lusso di nuove elezioni. Bersani dovrebbe squarciare la politica. E andare avanti a testa alta.

© Riproduzione Riservata

Commenti