Il regista del cinema erotico italiano festeggia il suo compleanno speciale: un “maestro” discusso e amato

Tinto Brass

Tinto Brass compie 80 anni. Il regista del cinema erotico italiano è nato a Milano il 26 marzo 1933.

Da giovane Brass ha lavorato con Rossellini ma anche con i fratelli Taviani e Fellini. Il suo amore per la vita (e per le gioie del sesso) è stato influenzato dalla lezione del maestro Fellini.

Fautore della libertà esistenziale non è un caso che il suo primo film “In capo al mondo” del 1963 sia stato bocciato dai censori dell’epoca, che gli imposero di rigirare la pellicola da capo. Il film narrava le gesta di un giovane anarchico che stentava ad integrarsi nella società con una insofferenza verso il potere. Per protesta Brass cambiò solo il nome del suo primo lungometraggio con “Chi lavora è perduto”.

Ma è con la “La Chiave” del 1983 che Brass diventa il maestro del cinema erotico italiano. Nel cast una indimenticabile Stefania Sandrelli. Seguono altri lavori come “Miranda” con Serena Grandi, “Capriccio” con Francesca Dellera, Debora Caprioglio è in “Paprika”. Di Brass sono famosissime le sue Muse.

Il Maestro predilige il lato B delle attrici, condizione essenziale per entrare di diritto in un suo film. Ed è così che il regista ha lanciato Anna Ammirati e Claudia Koll, tra le altre, famose per la loro conturbante bellezza.

© Riproduzione Riservata

Commenti