Effetto “vedo non vedo”, ecco quale sarà la vera tendenza per l’imminente primavera estate 2013

“trasparenze” per la primavera-estate

Trionfano veli e trasparenze, effetto vedo non vedo. La moda per la prossima stagione gioca con tessuti in chiffon e pizzo che coprono e smascherano allo stesso tempo, perfette per uno stile romantico ma al contempo seducente.

Tanti gli stilisti ad aver giocato con l’effetto trasparenze durante le passerelle per la primavera-estate 2013: da Iceberg a Blumarine, da Dolce & Gabbana a Richmond. Sia di giorno che di sera, maglia e seta si intrecciano nel gioco delle trasparenze, esaltando i ricami, alternandosi tra reti metalliche, plissettature e ricami. Alberta Ferretti sulle passerelle della Milano Fashion Week ha proposto una collezione degna di nota: colori marini, abitini cocktail nude dalle linee dritte tempestati di perline e Swarowski; per la sera abiti lunghi a sirena con pizzi ricercati e veli sovrapposti.

Emilio Pucci, anche lui durante la settimana della moda milanese, ribadisce il ruolo predominante delle trasparenze per la primavera-estate oramai vicina: sulle passerelle sfilano donne con abiti velatissimi che mettono in mostra il corpo.

Le trasparenze trionfano per il giorno e per la sera, non solo per i vestiti: anche gonne lunghe e pantaloni sono rigorosamente in tessuto trasparente. Il gioco vedo non vedo viene riproposto anche negli abiti da sera che, in versione bianca, si trasformano in splendidi vestiti da sposa. All’appello non poteva mancare Roberto Cavalli che, seppur confermando il suo personalissimo stile tra animalier e maculati, propone una collezione più soft. Tutte le stampe sono applicate su strati leggeri di voille e alterna lunghe bluse ad abiti svolazzanti, casacche con pantaloni fluidi ad abitini con profondi spacchi.

Per la sera, abiti lunghi senza maniche con maliziosi tagli ed intarsi, completi chic seducenti con pantaloni in voille di seta nero. Tutto rigorosamente impreziosito con dettagli preziosi ma, anche in questo caso, la particolarità è proprio la nudità della pelle che si mostra maliziosa tra trasparenze e tagli importanti.

© Riproduzione Riservata

Commenti