Il conduttore replica ai risvolti dell’inchiesta della Procura di Roma: “nel mio ‘Affari tuoi’ credo non ci fosse niente dietro. Era un programma divertente…”

Paolo Bonolis

“Quando lo facevo conducevo il giochino e basta, non credo ci fosse niente dietro: arrivavo in studio e andavo in onda. Non saprei negli anni successivi, in realtà non ne so nulla”.

Paolo Bonolis, che ha condotto ‘Affari tuoi’ per i primi due anni, dal 2003 al 2005, commenta così, all’Adnkronos, l’ultimo passaggio dell’annosa querelle fra il programma Rai e ‘Striscia la notizia’, che ha visto la Procura di Roma rigettare la querela dei notai di ‘Affari tuoi’ contro ‘Striscia’ in materia di supposte irregolarità per lasciare i premi più ricchi alla fase finale della trasmissione, in modo da favorire gli ascolti.

“Entravo in studio all’ultimo momento e facevo il gioco. Allora c’era una grande battaglia di ascolti con ‘Striscia’ che generò tutta questa polemica. Ricordo che con Ricci litigai forte -prosegue Bonolis- alla sua ‘Striscia’ davamo più di venti punti di distacco e per loro era un problema reale. Del resto nei miei due anni la grandissima parte delle puntate arrivava alla fine con in palio un bottone e un soldo di cacio; era divertente ma non appassionante perché si vincessero cifre straordinaria. In due anni furono forse otto, dodici le puntate, vado a memoria, dove si vinsero cinquecentomila o duecentocinquantamila euro”.

Al di là della vicenda specifica, comunque, per Bonolis “questo Paese e il mondo intero vivono in una dimensione taroccata, il che nulla giustifica in nessun caso, gli interessi muovono la realtà e la realtà viene taroccata in funzione degli interessi, nella politica, nell’economia, nello sport, ovunque. Ogni volta ci portiamo la mano alla bocca ed esclamiamo ‘oh!’, ma è inutile illudersi, i poteri tendono a canalizzare gli eventi a loro vantaggio. Non vogliamo ammetterlo perché non vogliamo che si rompano i nostri punti di riferimento, e così facciamo finta di niente”.

“Mai riscontrata nessuna anomalia” dice all’Adnkronos Antonella Clerici (alla guida del ‘gioco dei pacchi’ di Rai1 dal 27 marzo 2006 alla fine di quella stagione tv). “Io l’ho condotto tanti anni fa – conclude – e per poco tempo e non mi sono mai accorta di nulla di strano”.

© Riproduzione Riservata

Commenti