Una vera guerra per l’assegnazione dei canali tv ai tasti del telecomando: sconfitta Sky, prevale Deejay

cambio di numeri sul telecomando

E’ stata una vera e propria guerra a colpi di telecomando quella che si è conclusa ieri sull’assegnazione dei canali tv ai tasti del dispositivo. Una guerra che conferisce le posizioni 7, 8 e 9 in automatico a La7 , Mtv e Deejay Tv.

Escono sconfitte Retecapri, Telenorba, e soprattutto Sky, con il canale Cielo, che si era rivolta lo scorso anno al Consiglio di Stato chiedendo una revisione dei criteri di assegnazione. Richiesta accolta il 31 agosto 2012, con quattro sentenze che decretavano l’azzeramento della decisione. Provocando successivamente l’occupazione selvaggia degli ultimi numeri, al punto che il nuovo presidente Agcom, Angelo Marcello Cardani, se ne occupò immediatamente subito dopo la sua nomina.

La recente decisione dell’Agcom – che si occupa dell’assegnazione dei canali – conferma la posizione delle irremovibili sette generaliste, lasciando con l’amaro in bocca in particolare Telenorba, emittente locale molto seguita in Puglia e Basilicata, che aveva chiesto di poter restare al numero 7, così come la campana Retecapri, che rivendicava la sua posizione al numero 9. Niente di fatto, le due emittenti locali, nonostante l’elevato numero di ascolti, verranno spostate al 17 e 20. A Cielo, invece, tocca la posizione 26, molto lontane dalle altre generaliste.

Eppure, sebbene provenga direttamente dal consiglio dell’Agcom, la decisione è frutto di una consultazione pubblica – iniziata lo scorso ottobre – e di un’indagine demoscopica di mercato sulle preferenze degli utenti. Il sondaggio, svolto dall’Istituto Piepoli su un campione di 23.600 unità – rappresentativo della popolazione italiana e con criteri univoci in tutta Italia – ha evidenziato come gli utenti preferiscano innanzitutto lasciare a Rai e Mediaset la gestione dei primi sette canali e che “meno dell’1% degli intervistati ha variato l’impostazione automatica posizionando un’emittente locale sui tasti 7, 8 e 9 del telecomando”, come si legge nella nota dell’Authority, preferendo lasciare gli ultimi 3 tasti ai “canali generalisti ex analogici”.

Prevale quindi la preferenza degli utenti? Sì e no. Perchè sul tasto 7 del telecomando, occupato proprio da La7, vige un obbligo imposto dall’attuale proprietario Urbano Cairo, della Cairo Communication. Nel contratto stilato con la Telecom Italia Media c’è infatti una clausola che prevede un procedimento penale qualora l’emittente perdesse la sua attuale posizione.

Nella guerra delle emittenti rimane un’unica certezza: quella che il telespettatore può ancora cambiare manualmente e autonomamente la gerarchia sul proprio televisore, in barba a tutti i ricorsi e le clausole.

© Riproduzione Riservata

Commenti