Dormire bene dopo una giornata lavorativa e ovviare ad una fase di stress: 6 regole semplici ed efficaci

l’importanza del dormire bene

Dormire bene è fondamentale per iniziare al meglio una giornata lavorativa intensa e per avere un viso radioso e disteso sin dalle prime ore del giorno. Per regalarsi una buona notte,
basta seguire delle semplici regole:

1) Iniziamo dal letto e dal cuscino. Il primo deve essere sufficientemente largo e lungo, con la giusta rigidità in modo da non premere sulle articolazioni, sui fianchi, le spalle o il torace. Un buon cuscino, invece, è quello che dà il giusto sostegno al collo ed è anche grazie ad esso che possiamo migliorare il nostro sonno.

2) La scelta del materasso è importantissima per un sereno riposo. Gli esperti affermano che la struttura del materasso dovrebbe essere sufficientemente rigida da offrire un corretto sostegno a schiena, collo e gambe, garantendo al contempo il massimo confort. Tuttavia, è una scelta molto personale e il consiglio è di non focalizzarsi mai su un’unica proposta ma meglio provarne cinque o sei dedicando a ognuno almeno 20 minuti prima di acquistare quello su cui trascorrere intere notti. Quindi, non siate timidi: una volta individuato un modello, sdraiatevi su di esso e provate tutte le posizioni che assumete durante la notte.

3) Passiamo al cibo e in particolar modo alla cena: è consigliabile evitare i salumi e i cibi piccanti che stimolano il sistema nervoso simpatico.

4) Sono da evitare le bevande ricche di caffeina dal primo pomeriggio sino a sera.

5) Non bisogna assumere alcool o fumare sigarette prima di andare a dormire. E’ sbagliato pensare che favorisca il sonno: fa addormentare velocemente ma spesso provoca bruschi risvegli durante la notte. Anche la nicotina ha effetti negativi sui ritmi. Alcuni studi hanno dimostrato che la quantità di sonno profondo e sonno onirico diminuiscono se il sangue contiene nicotina o alcol.

6) Spegnere tutte le luci comprese quelle a bassa intensità e le lucine di tv e sveglia perché sono in grado di alternare la produzione della melatonina. E se tutto ciò non dovesse bastare, esistono i rimedi naturali come le tisane della ninna nanna, acque rilassanti da spruzzare sui cuscini o concedersi un bagno caldo agli oli essenziali di lavanda.

© Riproduzione Riservata

Commenti