La compagna del capitano della Roma: “facciamo entrambi una vita impegnativa che ci tiene a volte lontani ma per e Francesco la situazione è gestibile”

Ilary Blasi e Francesco Totti sposi nel 2005

Ilary Blasi e Francesco Totti, storia di un amore che resta in copertina. In una intervista a “Il Messaggero” la compagna del capitano giallorosso si confessa.

Intanto sono sette anni che fa le Iene in tv. Un record. Avrà fatto qualche pensierino ad altro.

«Le Iene mi sono sempre piaciute, anche quando non le facevo e le guardavo da casa sognando di fare un giorno la tv. E mi diverto ancora, con Teo Mamuccari vado d’accordo, quindi mi piacerebbe continuare. Certo, ogni tanto ci penso a provare qualcos’altro, ma non mi viene in mente granché».

Non c’è nessuno con cui le piacerebbe lavorare?
«Claudio Bisio mi sta molto simpatico. La verità, però, è che in giro non mi pare ci siano idee».

La tv non le piace?
«Non c’è molto da guardare. Eppoi a casa il telecomando non lo tengo io».

Comanda Francesco?
«Il monopolio del telecomando ce l’ha lui e i bambini».

A proposito di Cristian e Chanel, l’idea di mandarli in campo a festeggiare il papà due domeniche fa è stata sua?
«Io non ero a Roma, perché avevo la diretta delle Iene a Milano. Ma avevo lasciato detto, a sua insaputa, di stare pronti se Francesco avesse fatto gol e raggiunto il record di Nordahl. Quando ha segnato, sono usciti da casa e sono andati allo stadio a festeggiarlo».

E quando è tornato a casa lui che ha detto?
«Non abbiamo commentato, ma era molto contento».

Le Iene vanno in onda da Milano, coi bambini come fa?
«Parto la mattina della domenica, la sera faccio la diretta e torno il lunedì a Roma. È una situazione gestibile con la famiglia».

Non ha neppure il tempo di provare?
«È tutto molto rapido e veloce. Abbiamo un copione, ma possiamo andare a braccio».

La scelta del nuovo papa di chiamarsi Francesco a Roma ha fatto girare un bel po’ di battute: dal papa al Pupone il passo è stato brevissimo. L’hanno subito battezzato il Papone.
«Francamente non ne abbiamo parlato».

Senta, lei si chiama Ilary, sua sorella Melory, i bambini li ha chiamati Cristian e Chanel, ma se arrivasse un terzo figlio glielo darebbe un nome classico?
«Ma Cristian è un classico nome italiano. Per la verità io lo volevo chiamare Cristiano».

Poi è saltata la “o”…
«L’abbiamo tolta perché veniva meglio con il cognome Totti. Invece di Chanel mi piaceva soprattutto il suono morbido, è un bel nome».

Magari pensava anche alla famosa stilista.
«No, e non ho mai comprato una borsa Chanel».

© Riproduzione Riservata

Commenti