Spiegel online: “chiave del suo successo elettorale è l’energia ed il rancore contro Germania e Bruxelles”

Beppe Grillo

“L’uomo più pericoloso d’Europa”: è l’audace titolo di un articolo di commento dello Spiegel online, riferito a Beppe Grillo, il giorno dopo che l’intervista del quotidiano tedesco Handelsblatt al leader del Movimento 5 Stelle (“L’Italia de facto è già fuori dall’euro”) è rimbalzata su tutta la stampa tedesca e europea.

“L’uomo che Peer Steinbrueck ha chiamato clown, possiede doti di intrattenimento, su questo non c’è dubbio”, esordisce Jan Fleischhauer nel suo pezzo, spiegando che se il candidato Spd alla cancelleria avesse dato del buffone solo a Silvio Berlusconi tutti sarebbero stati d’accordo. Ma insultare anche Grillo, “il capo guida delle piazze”, “l’eroe dei giovani” etc., ha obbligato perfino i compagni di partito a richiamare l’ex ministro delle Finanze tedesco all’ordine.

Nel programma del M5S ci sono molte cose che si potrebbero trovare anche nel partito dei Verdi tedeschi o tra i new global di Attac. Ma ciò che differenzia Grillo è “la sua energia e il suo risentimento”. Nel provocare la rabbia – contro i tedeschi, contro la burocrazia di Bruxelles, contro il Sistema – c’è la chiave del suo successo, spiega Fleischhauer: “E’ questo che lo rende grande, non il richiamo alla ragione o l’amore per la democrazia”.

Intanto proprio Grillo ha fatto il punto sulle spese affrontate da M5S nella recente corsa elettorale. “Le attività necessarie per le campagna elettorale del M5S, come l’allestimento dei palchi, sono state realizzate grazie al volontariato dei cittadini attivi. Tutte le altre spese connesse e correlate sono state sostenute grazie a circa 15.000 persone che hanno donato in media poco meno di 40 euro a testa per un totale di 568.832 euro ad oggi. Tutte le voci di spesa saranno pubblicate, entro i termini di legge, nei prossimi giorni non appena sarà finita la meticolosa attività di rendicontazione.E non tutti i soldi che sono arrivati sono stati effettivamente spesi”. Lo ha sottolineato sul proprio blog Beppe Grill, in un post dal titolo ‘Politico senza soldi’.

“Come anticipato – ha confermato Grillo- la parte restante sarà destinata al conto corrente per i terremotati dell’Emilia. Il M5S vive grazie alla partecipazione attiva di milioni di cittadini. E’ possibile, ed è stato dimostrato, fare politica senza intermediazione dei partiti, senza bisogno di soldi pubblici e garantendo la massima trasparenza sulle fonti di finanziamento. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito”.

© Riproduzione Riservata

Commenti