Riesumata a Gorno salma di Giuseppe Guerinoni, morto nel ’99: è il padre del presunto killer di Yara Gambirasio

il tribunale di Bergamo

È stata riesumata questa mattina la salma di Giuseppe Guerinoni, il bergamasco di Gorno morto nel 1999 e che, secondo gli inquirenti, sarebbe il padre biologico dell’assassino di Yara Gambirasio.

La salma è stata prelevata dalla tomba del piccolo cimitero di Gorno attorno alle 7 di questa mattina e portata a Bergamo, dove verrà sottoposta a tutti gli accertamenti del caso, come disposto dalla procura.

Secondo il pm titolare dell’inchiesta, Letizia Ruggeri, si tratterebbe di uno «scrupolo» per confermare quanto già scoperto dalla polizia scientifica, ovvero che Guerinoni sia al 99,9% il padre biologico dell’uomo che ha lasciato la propria traccia biologica sugli slip e i leggings della tredicenne di Brembate Sopra (Bergamo).

Secondo gli inquirenti, infatti, Giuseppe Guerinoni è il padre dell’assassino di Yara e l’esumazione dovrebbe soltanto fornire un’ulteriore conferma.

Gli esperti avevano già analizzato il dna del defunto di Gorno partendo da vecchie tracce della sua saliva, ricavate dietro la marca da bollo della patente e dietro un francobollo di una cartolina che inviò alla figlia.

Oggi per le analisi della salma è stata incaricata l’equipe dell’antropologa forense Cristina Cattaneo, che già aveva eseguito l’autopsia sul corpo di Yara: verranno prelevate parti dell’osso femorale di Guerinoni e, se le condizioni della salma lo renderanno possibile, anche parti di unghie e denti. Il lavoro durerà circa tre mesi.

Le analisi saranno effettuate in contraddittorio con il consulente di parte della famiglia Gambirasio, il genetista forense Giorgio Portera, ex ufficiale dei Ris di Parma.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ZKpW0A5myvg[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti