A Niscemi tafferugli per l’arrivo di alti ufficiali alla base militare presidiata: secondo gli attivisti una donna è stata travolta da un automezzo e altre trascinate via

la protesta delle mamme No Muos

Alcune mamme No Muos, che da settimane presidiano la base americana di telecomunicazioni, a Niscemi in contrada Ulmo, sarebbero state caricate stamani dalle forze dell’ordine in occasione dell’arrivo di alcuni alti ufficiali in visita al presidio militare. Lo denunciano gli attivisti sostenendo che una donna sarebbe stata travolta da un automezzo e altre sarebbero state trascinate via per far passare gli automezzi militari.

All’interno, però, oltre ai soldati, ci sarebbero stati anche alcuni operai di Niscemi (riconosciuti dai dimostranti) e tecnici addetti alla costruzione del Muos, l’impianto di telecomunicazioni satellitari ad altissima frequenza contro cui le donne manifestano. Secondo gli attivisti si è così violato l’accordo siglato in prefettura sullo stop al transito di maestranze.

Diversa la versione riferita dalle forze dell’ordine. Secondo la polizia, all’arrivo di una delegazione di alti ufficiali, tutti in divisa, proveniente dal comando Usa di Napoli, le mamme No Muos si sono schierate bloccando la strada di accesso perché ritenevano che sugli automezzi ci fossero anche gli operai.

Dopo ripetute smentite e vari tentativi di bonaria soluzione del blocco, gli agenti hanno fatto cordone per indurre le donne a indietreggiare. Una ripresa filmata, in possesso dei poliziotti, dimostrerebbe che solo una donna, scivolando sul fango accidentalmente, avrebbe avuto bisogno delle cure dei medici che l’hanno trattenuta al pronto soccorso dell’ospedale. Altre due mamme No Muos sarebbero state medicate e dimesse. La visita degli ufficiali si è svolta regolarmente.

© Riproduzione Riservata

Commenti