Maroni primo in Lombardia: 44,4%. Per il Viminale il leghista al Pirellone distanzia di sette punti Ambrosoli

Roberto Maroni

Nelle prime 516 sezioni scrutinate su un totale di 9.233 per la carica di presidente della Regione Lombardia, il candidato del centrodestra Roberto Maroni è in testa con il 44,44%, seguito da quello del centrosinistra Umberto Ambrosoli al 37,11%. Secondo i dati del Viminale, Silvana Carcano del M5S si attesta per ora al 13,17%, mentre il candidato montiano Gabriele Albertini ottiene il 4,22%. Carlo Maria Pinardi (Fare per fermare il declino) è allo 1,06%. Il primo partito in Lombardia risulta essere il Pd con il 25,12%, seguito da Pdl al 18,01%, dal M5S al 12, 84% e dalla Lega al 12,80%.

Con 56 sezioni scrutinate in Lazio su 5.267, secondo i primi dati del ministero dell’Interno, Francesco Storace è al 40,81% e Nicola Zingaretti al 33,76%. Il candidato del Movimento 5 stelle, Davide Barillari, è al 15,29%.

La III proiezione dell’Istituto Piepoli per la Rai conferma il Lazio a Zingaretti candidato del Pd con il 37,8%. Le proiezioni Rai e Skytg24, oltre che i dati del Viminale, danno vincente in Lombardia Maroni, con oltre il 40%. In Molise per le proiezioni dell’Istituto Piepoli, Paolo di Laura Frattura del centrosinistra è avanti con il 42,1%, seguito da Angelo Michele Iorio con il 24,1%. Antonio Federico del Movimento 5 stelle è al 19,1%. Massimo Romano al 12,4%.

© Riproduzione Riservata

Commenti