Il professore: “oltre 3 milioni di voti in 50 giorni. Scelta civica diventa realtà politica”. Ma i numeri dicono che il premier uscente è naufragato insieme ai suoi alleati

Mario Monti

“I risultati di queste elezioni sono ancora incerti, solo domani sarà possibile una valutazione più approfondita. Ma nell’ambito di questi risultati ancora incerti, Scelta Civica e la coalizione ottengono un risultato soddisfacente”. Lo ha detto Mario Monti, nella conferenza stampa nella sede del movimento.

Il risultato di Scelta Civica “era stato da alcuni ipotizzato leggermente superiore, ma io sono molto soddisfatto alla luce di alcuni elementi. Innanzitutto i tempi: abbiamo dato notizia di questa lista e coalizione il 4 gennaio. Sono passati 50 giorni, abbiamo avuto oltre 3 milioni 200mila elettori, partendo da zero, senza strutture e mezzi e anche con esperienza molto limitata”.

E soprattutto con un programma “serio”, senza “promesse”. Dunque una scelta “coraggiosa” da parte degli elettori che hanno scelto Scelta Civica, ha detto ancora Monti.

“Ringrazio gli elettori e le elettrici italiani, desidero confermare loro che questa idea, Scelta Civica, che si è incarnata in una proposta che diviene realtà politica presente alla Camera e al Senato, diviene da domani struttura destinata a durare e, ne siamo certi, a interpretare sempre di più e meglio i desideri degli italiani che vogliono un’Italia saldamente ancorata all’Europa”, ha aggiunto Monti.

Parole, ovviamente, di circostanza che stridono con i risultati evidentemente deludenti di Monti e gli alleati Udc e Fli in una tornata di voto che boccia l’idea di portare l’Italia al centro.

© Riproduzione Riservata

Commenti